10 errori da non fare con i limiti di velocità

Come si mantiene la giusta velocità di guida? Ecco i 10 errori da non fare con i limiti di velocità e i consigli per evitare rischi e multe al volante

15 aprile 2020 - 11:28

E’ possibile rispettare sempre i limiti di velocità? Sicuramente le auto moderne più insonorizzate spingono con estrema facilità a premere sull’acceleratore. Se poi si considera anche che in molte città si sono moltiplicate le zone 30 km/h, anche i guidatori più diligenti rischiano di superare il limite involontariamente. Per rispettare i limiti di velocità ed evitare una multa abbiamo individuato le 10 situazioni tipo più frequenti e i 10 errori da non fare con i limiti di velocità.

1.CONOSCERE I LIMITI DI VELOCITA’

Il più frequente tra gli errori con i limiti di velocità è ignorarli, capita soprattutto quando si guida in una città diversa di concentrarsi più sul percorso da seguire che sui limiti di velocità. Ecco perché conoscere i limiti di velocità della strada che si sta percorrendo è importante per evitare multe e avere un’idea della conformazione della strada. Ad esempio, se su una strada larga e ampia si riduce all’improvviso il limite di velocità è molto probabile che ci saranno una curva cieca, un incrocio pericoloso o attraversamenti pedonali. I navigatori satellitari più aggiornati avvertono anche dei limiti di velocità, mentre solo dal 2022 sarà di serie sulle nuove auto omologate l’ISA (Intelligent Speed Assistance).

2.GUARDARE IL TACHIMETRO

Quando si cambia percorso dopo molte ore sulla stessa strada, non è sempre facile adeguare lo stile di guida. L’errore più frequente con i limiti di velocità dopo aver lasciato l’autostrada è mantenere le marce su di giri e a una velocità meno controllata. L’ideale, secondo il RoSPA, (The Royal Society for the Prevention of Accidents) è dare un colpo d’occhio al tachimetro per adeguare l’acceleratore ai limiti di velocità. Sulle auto moderne con avviso di superamento del limite è molto più facile, ma non tutti amano il cicalino alla guida.

3.IL LIMITE DI VELOCITA’ NON E’ UN TRAGUARDO

Confondere il limite di velocità con la velocità da raggiungere è un altro errore molto frequente. Il limite di velocità non può essere l’unico elemento durante la guida, poiché la velocità va sempre adeguata al flusso del traffico. Se non c’è una reale necessità di arrivare al limite di velocità, sarebbe preferibile tenersi un margine di sicurezza inferiore soprattutto in condizioni di scarsa visibilità o maltempo.

4.LE ZONE 30 POTREBBERO NON BASTARE

Il limite di velocità nelle zone 30 a volte sembra inutile: è l’errore più frequente quando non si va oltre il numero. Il limite di 30 km/h diventa una sfida quando si tende a guardare il tachimetro e la strada sgombra e larga davanti a sé. Una velocità di 30 km/h potrebbe essere anche letale per un bambino che attraversa all’uscita della scuola o dall’asilo senza attenzione. Meglio accertarsi se ci si trova nei pressi di scuole o edifici pubblici molto frequentati da pedoni prima di lasciarsi prendere dalla fretta.

5.GESTIRE MARCE E VELOCITA’ CON CRITERIO

A meno di avere un’auto con cambio automatico, l’errore molto diffuso con i limiti di velocità è legato all’uso smodato delle marce. In città è buona norma tenere le marce alte per ridurre i consumi, ma sempre in base al limite di velocità. Un consiglio utile può essere quello di non superare la seconda-terza marcia per riuscire a stare sotto il limite dei 30 km/h.

6.SORPASSARE NON E’ L’UNICA SOLUZIONE

Gli errori con i limiti di velocità sia in città che in autostrada, si verificano durante un sorpasso o dietro un veicolo lento e finiscono spesso in un incidente o una multa. Piuttosto che superare ad ogni costo un’auto davanti che ci innervosisce, si potrebbe rallentare quanto basta per dargli spazio o aspettare il momento migliore per superarla.

7.LIMITI DI VELOCITA’ E TEMPI DI REAZIONE

Superare i limiti di velocità erode la capacità di reazione del guidatore di fronte agli imprevisti: è l’errore che si sottovaluta più spesso nella guida in autostrada. Di fronte a un incidente stradale improvviso è più facile che l’auto in arrivo crei un secondo tamponamento, piuttosto che il conducente riesca ad evitare l’impatto.

8.SE I LIMITI DI VELOCITA’ NON CI SONO

In assenza di limiti di velocità è sempre meglio sottostimare la velocità da non superare. I limiti di velocità standard (50 km/h, 110km/h e 130 km/h) possono differire da quelli applicati su un tratto di strada particolarmente pericoloso. Piuttosto che guidare alla “cieca” puntando all’assenza del limite, guidare con prudenza in funzione del traffico è l’ideale finché non si trova conferma nella segnaletica.

9.LIMITI DI VELOCITA’ E DISTRAZIONI AL VOLANTE

Le distrazioni al volante sono una delle principali cause che porta a superare i limiti di velocità involontariamente. Potrebbe essere un passeggero che vuole chiacchierare, fumare in auto o cercare una canzone sulla playlist.

10.RESTARE AGGIORNATI ED EVITARE CATTIVE ABITUDINI

Sebbene il Codice della Strada sia generalmente lo stesso nel tempo, si possono sviluppare invece cattive abitudini al volante. Con ogni probabilità se si ripetesse l’esame di guida a distanza di anni molti automobilisti non lo supererebbero a pieni voti. Ecco perché oltre a restare aggiornati sulle novità che riguardano la circolazione stradale, sarebbe consigliabile anche fare un corso di guida sicura. Sarebbe un’occasione per trascorrere un giorno in pista divertendosi per accrescere correttamente la sicurezza alla guida.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali Hankook i*cept evo 3: i nuovi pneumatici anche UHP e SUV

Cassazione sorpasso contromano

Cassazione: il sorpasso contromano comporta due infrazioni

Autobus a fuoco: l’80% si incendia a causa del motore