Area C Milano: dal 2022 accesso a pagamento per auto ibride

Le auto elettriche e ibride salvate dal Comune di Milano, ecco quali e fino a quando entreranno gratis nell'Area C

3 gennaio 2019 - 11:07

Le maglie dei blocchi al traffico delle auto nel centro di Milano sono diventate sempre più strette con l'annuncio dell'Area B da febbraio 2019, ma c'è almeno una buona notizia per il nuovo anno che riguarda l'accesso delle auto ibride ed elettriche. Come anticipato qualche mese fa infatti il Comune aveva messo in cantiere l'idea di stoppare l'accesso gratuito all'Area C per le auto ibride, una misura che avrebbe risparmiato il ticket a pagamento praticamente alle sole auto elettriche o ibride plug-in più pulite.

IL TICKET A PAGAMENTO PER TUTTE Il dietrofront sulle auto ibride ed elettriche arriva a un passo dall'esclusione delle auto a basse emissioni più inquinanti che sarebbe scattato dal 1 gennaio 2019 tra i veicoli con accesso gratuito consentito nell'Area C. La restrizione slitta al 2022 e al 2030 in base alle emissioni di CO2 ma arrivano anche gli incentivi alla rottamazione dei veicoli più vecchi per le imprese. “è possibile acquistare anche veicoli usati e a chilometro zero – spiega Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – e per ogni veicolo sostituito il contributo all'impresa viene incrementato fino al 50 per cento.”

L'INGRESSO GRATUITO, FINO A QUANDO Sulla strada che porta a un numero sempre più ristretto di auto che possono circolare nell'Area C, il Comune ha intanto deciso di prorogare l'accesso gratuito per le auto ibride elettriche che emettono tra 50 e 74 g/km di CO2 fino al 1 ottobre 2022, mentre le auto elettriche pagheranno l'accesso all'area C solo dal 2030 in poi. Giusto per capirci di più basta pensare che le auto ibride più vendute in Europa come la Toyota Yaris Hybrid (84 g/km), la Toyota C-HR Hybrid (87 g/km) e la Toyota Auris  (94 g/km) emettono già una quantità di CO2 eccessiva per poter entrare gratis.

INCENTIVI SUI VEICOLI PER LE AZIENDE Con la proroga sull'accesso delle auto ibride ed elettriche all'area C arriva anche l'annuncio di un bando per la rottamazione di veicoli aziendali più inquinanti. Il contributo alla rottamazione annunciato dal Comune di Milano è previsto per veicoli nuovi o a chilometro zero, devono essere di categoria N1 e N2 (di massa inferiore o uguale a 7,5 tonnellate) ad alimentazione elettrica, ibrida (benzina/elettrica) metano, benzina/metano, GPL, benzina/GPL, benzina Euro 6. E' anche possibile accedere al contributo acquistando un veicolo benzina Euro 5 usato, esclusivamente per la rottamazione o l'esportazione di un veicolo diesel classe pre-euro e da Euro 0 fino a Euro 4.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi