Garage prefabbricati per auto

Garage auto: quali costi si possono recuperare nel 2021-2022

Per la costruzione o l’acquisto di un garage auto, il contribuente può accedere a una sostanziosa agevolazione. Ma cosa accade dal 2022?

29 novembre 2021 - 19:00

Da qui alla fine dell’anno c’è la possibilità di recuperare la metà del costo sostenuto per la costruzione di un garage auto ovvero di un box o di un posto dove parcheggiare il proprio veicolo. Dal prossimo anno, a meno di modificazioni dell’ultima ora, cambia il quadro fiscale. Ma andiamo per ordine e analizziamo qual è la spesa massima detraibile per il garage auto. Ma anche quali sono requisiti e condizioni richiesti per accedere alla facilitazione economica. Alla base della decisione del governo di introdurre e mantenere (da ormai molti anni) questa agevolazione fiscale c’è la volontà di rilanciare il comparto delle ristrutturazioni. In buona sostanza, l’esecutivo considera l’edilizia privata una leva per tenere in moto l’economia italiana. E nella lista dei lavori ammessi ci sono anche quelli relativi alla realizzazione e all’acquisto di box o posti auto. Ecco i dettagli da conoscere.

COSTI DI REALIZZAZIONE E ACQUISTO GARAGE AUTO DA RECUPERARE: PERCENTUALI E SOGLIE

Disposizioni alla mano, per la realizzazione o l’acquisto di un garage auto, il contribuente può fruire di una detrazione Irpef del 50%. Come specificato dall’Agenzia delle entrate, la facilitazione fiscale spetta anche per l’acquisto o la realizzazione di posti auto pertinenziali. Ancora più precisamente, è riconosciuta per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune, purché ci sia un vincolo di pertinenzialità con una unità immobiliare abitativa. E, solo per le spese imputabili alla loro realizzazione, per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali già realizzati. L’importo massimo detraibile per la realizzazione o l’acquisto di un garage auto è di 96.000 euro.

REQUISITI PER ACCEDERE ALLE AGEVOLAZIONI PER IL GARAGE AUTO

Non tutte le spese sostenute per il garage auto possono essere recuperate con la formula della detrazione. Il via libera è solo per quelle relative alla realizzazione edilizia, previa certificazione sottoscritta dal costruttore. Dopodiché, il contribuente deve soddisfare alcune condizioni di fondo. Innanzitutto l’esistenza della proprietà o di un patto di vendita del parcheggio realizzato o in corso di realizzazione. Quindi l’esistenza di un vincolo pertinenziale con una unità abitativa, di proprietà del contribuente. Nel caso in cui il parcheggio sia in fase di costruzione, è richiesto l’obbligo di creare un vincolo di pertinenzialità con un’abitazione. Infine, come specificato dall’Agenzia delle entrate, la normativa in vigore prevede la documentazione dei costi imputabili alla sola realizzazione dei parcheggi. In pratica questi ultimi devono essere tenuti separati dai costi accessori in quanto non sono oggetto di agevolazione fiscale.

GARAGE AUTO: DOCUMENTI UTILI E CASI PARTICOLARI SUI COSTI DA RECUPERARE

Il recupero dei costi sostenuti per l’acquisto o la realizzazione di un garage auto passa dalla conservazione e dalla presentazione di alcuni documenti all’Agenzia delle entrate. In prima battuta l’atto di acquisto o il preliminare di vendita registrato dal quale si deduce la pertinenzialità. Quindi è richiesta la dichiarazione del costruttore con l’indicazione dei costi sostenuti. Infine il bonifico bancario o postale relativo ai pagamenti effettuati. Un caso a parte, come abbiamo esaminato in passato, è la regolarizzazione del garage auto abusivo con la procedura particolare da seguire. A proposito di situazioni particolari, cosa succede nel caso di acquisto contemporaneo di casa e garage auto con un unico atto notarile? In questa circostanza, come chiarito dagli uffici dell’Agenzia di Via XX Settembre, il contribuente accede alla detrazione solo per le spese di realizzazione del garage con tanto di documentazione dell’ammontare della spesa.

COSA CAMBIA NEL 2022: DETRAZIONE RIDOTTA PER LA REALIZZAZIONE E L’ACQUISTO DI UN GARAGE AUTO

L’appuntamento con le novità ufficiali sulle detrazioni 2022 per la realizzazione o l’acquisto di un garage auto è con la Legge di Bilancio da approvare entro la fine dell’anno. Se non interverranno modifiche, la normativa vigente prevede una doppia riduzione dal primo gennaio 2022. Da una parte c’è infatti la percentuale di detrazione delle spese sostenute che dal 50% attuale precipita al 36%. Dall’altra c’è la spesa massima detraibile in sede di dichiarazione dei redditi, dimezzata da 96.000 a 48.000 euro. L’agevolazione resta comunque riconosciuta per interventi relativi a parcheggi, autorimesse, posti auto, box e garage. Al pari di quanto è avvenuto negli scorsi anni, non è però da escludere il mantenimento dell’attuale impianto anche per i 12 mesi del 2022.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla