Garage prefabbricati per auto

Garage auto: procedura e costi per regolarizzarlo se è abusivo

Le disposizioni in vigore consentono di regolarizzare un garage auto o un box abusivo. Ecco come fare e quali sono i costi da sostenere

11 ottobre 2021 - 17:00

Soprattutto nelle grandi città italiane, il garage auto è una fortuna per chi lo possiede. Si tratta infatti di uno spazio vitale in cui non solo parcheggiare il veicolo al sicuro in un contesto urbano in cui è già difficile trovare un posteggio. Ma anche di tenerlo al riparo per lunghi periodi in caso di assenza, associando tutti gli attrezzi utili per un eventuale intervento fai-da-te. Tutto comodo e a cui difficilmente si può rinunciare, a meno che non bisogna fare i conti con il più classico degli scheletri nell’armadio. Ci riferiamo alla realizzazione di un garage auto abusivo. Quello cioè realizzato non perfettamente a norma e di cui il Comune o il Catasto potrebbero un giorno chiedere spiegazioni. Inevitabile quindi domandarsi come fare a regolarizzare un garage auto abusivo. Così come quanto costa sanare un box auto. E anche qual è la procedura da seguire per parcheggiare in serenità.

QUANDO UN GARAGE AUTO È CONSIDERATO ABUSIVO DALLA NORMATIVA VIGENTE

Prima di capire come fare a regolarizzare un garage auto abusivo è utile fare un passo indietro. Più esattamente è indispensabile comprendere quando un garage è abusivo. E di conseguenza in quale circostanza il proprietario di questa pertinenza di un immobile va incontro a possibili grane amministrative e penali. Norme alla mano, un garage auto si considera abusivo quando l’intestatario non ha chiesto al Comune l’autorizzazione per la sua realizzazione. In termini documentali, si tratta:

– della Scia, la Segnalazione certificata di inizio attività;

– della Cila, la Comunicazione di inizio lavori asseverata.

In assenza di questi passaggi procedurali, il proprietario va inevitabilmente incontro all’accusa di abuso edilizio. Con tanto di rischio di reato.

QUALI SONO LE SANZIONI SE IL GARAGE AUTO È ABUSIVO E PRIVO DI PERMESSI

Come accennato, le conseguenze nel caso di realizzazione di un garage auto abusivo sono di due tipi: amministrative e penali. Ecco quindi che da una parte il proprietario va incontro a una ammenda fino a 10.329 euro. Dall’altra rischia l’arresto fino a 2 anni, insieme a un’ammenda da 5.164 a 51.645 euro. La prima sanzione viene applicata nel caso di mancato rispetto di norme, prescrizioni e modalità esecutive dei regolamenti edilizi e urbanistici. La seconda nel caso di esecuzione di lavori in totale difformità o senza il permesso di costruire nonostante l’esistenza di un ordine di sospensione. C’è un anche un terzo scenario, il più severo: arresto fino a 2 anni e ammenda da 15.493 a 51.645 euro. Scattano per varie motivazioni, come la lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio, tra cui per la realizzazione di un garage auto. In buona sostanza, ricavare un box auto a tutti i costi, anche sfruttando le agevolazioni, per parcheggiare il proprio veicolo può comportare un prezzo molto auto.

COME REGOLARIZZARE UN BOX O UN GARAGE AUTO

La buona notizia per i proprietari di un immobile è la possibilità di regolarizzare il garage auto abusivo. Lo possono fare in ogni momento ovvero senza attendere alcun condono edilizio. C’è però una condizione fondamentale che non deve essere aggirata. Il proprietario deve chiedere la regolarizzazione del box o del garage auto prima dell’accertamento dell’illecito da parte delle autorità competenti. Deve quindi trattarsi di un atto spontaneo e non dettato dal timore per le conseguenze dall’essere stati scoperti. La sola eccezione alla regola è rappresentata dalla richiesta di sanatoria del garage auto abusivo entro 90 giorni dall’accertamento se le autorità non hanno emesso alcuna sanzione.

PROCEDURA E COSTI PER METTERE IN REGOLA UN GARAGE AUTO ABUSIVO

Per mettere in regola un garage auto abusivo, il proprietario (o l’inquilino nel caso di un garage in affitto) deve presentare l’apposita domanda al Comune. Quest’ultimo ha 60 giorni di tempo per rispondere o meno. Più precisamente gli scenari possibili sono tre:

– accoglimento della richiesta entro 60 giorni;

– respingimento della richiesta entro 60 giorni;

– mancata risposta entro 60 giorni che equivale al respingimento secondo il principio del silenzio-dissenso.

Il proprietario del garage auto abusivo deve mettere in conto una serie di costi da affrontare per regolarizzare la propria posizione. In caso di totale difformità, la sanatoria costa il doppio del contributo di costruzione. In caso di parziale difformità, la cifra è proporzionata alla quota dell’opera non conforme. A cui aggiungere la parcella variabile per il professionista che si occupa della pratica. Infine le sanzioni:

– 1.000 euro nel caso di invio della Cila al termine dei lavori e di invio di una Scia a lavori conclusi;

– 516 euro, per i lavori comunicati con una Scia tardiva;

– 333 euro per i lavori comunicati con una Cila tardiva.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidente apertura sportello: quando è colpa della moto?

Albero di Natale in auto: come fare a trasportarlo

Bollo auto a metano

Bollo auto acquistata usata da un privato: chi lo paga?