Furto dell'auto come e quando avvisare l'assicurazione

Furto carta di circolazione: richiesta duplicato

Cosa fare in caso di furto della carta di circolazione: la procedura, i documenti e i costi per la richiesta di un duplicato

6 febbraio 2020 - 22:48

Nella malaugurata ipotesi del furto della carta di circolazione l’intestatario deve, entro 48 ore dall’evento, fare denuncia presso gli organi di Polizia, i quali rilasciano contestualmente un permesso provvisorio di circolazione. La denuncia fatta all’estero (per un libretto rubato in un Paese straniero) deve essere ripresentata in Italia. Dal momento del rilascio del permesso provvisorio, la carta di circolazione identificata nella denuncia non è più valida e in caso di ritrovamento o restituzione l’intestatario del veicolo è obbligato a distruggerla.

FURTO CARTA DI CIRCOLAZIONE: PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL DUPLICATO

Una volta resa la denuncia, l’autorità di Polizia comunica all’interessato se riceverà il duplicato direttamente a casa tramite l’Ufficio Centrale Operativo del Ministero dei Trasporti. Oppure se dovrà recarsi presso la Motorizzazione Civile per presentare domanda. Nel primo caso, ovvero se la duplicazione della carta di circolazione è tecnicamente possibile, l’Ufficio Centrale Operativo provvede a predisporre il duplicato del documento e a inviarlo all’indirizzo di casa dell’utente, con pagamento in contrassegno di 10,20 euro più le spese postali. Qualora la nuova carta non arrivi entro 45 giorni dal rilascio del permesso provvisorio, occorre contattare il numero verde 800.23.23.23 (lun-ven 8-20, sab 8-14). Se invece la duplicazione non è tecnicamente possibile, come detto l’intestatario del veicolo deve presentarsi agli uffici della Motorizzazione per chiedere il duplicato della carta di circolazione.

FURTO CARTA DI CIRCOLAZIONE, RICHIESTA DUPLICATO ALLA MOTORIZZAZIONE: DOCUMENTI E COSTI

Richiesta alla Motorizzazione su modello TT2119 (scarica PDF in fondo all’articolo) allegando la denuncia del furto della carta di circolazione (o la dichiarazione sostitutiva di resa denuncia redatta su apposito modulo) e il permesso provvisorio di guida in originale rilasciato dalla Polizia. Le società devono allegare invece un’autocertificazione precisando il numero di iscrizione alla Camera di Commercio. I costi sono i seguenti (alla domanda vanno allegati pure le ricevute dei versamenti): 10,20 euro da pagare con bollettino postale prestampato 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri (per i residenti in Sicilia, Valle d’Aosta e nelle province del Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia il costo e il numero del bollettino potrebbero essere diversi, informarsi qui). Dopo la richiesta la Motorizzazione rilascia un permesso provvisorio valido fino al giorno in cui sarà possibile ritirare il duplicato allo sportello.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida a sinistra

Guida a sinistra: meglio noleggiare o partire con la propria auto?

Si può guidare con un occhio solo

Si può guidare con un occhio solo?

Noleggio auto all'estero

Noleggio auto all’estero: i consigli per una vacanza sicura