Come pagare le multe online

Come pagare le multe online: tutte le possibilità

Nella spiacevole ipotesi di ricevere una sanzione per violazione delle norme del Codice della Strada, ecco come pagare le multe online in maniera veloce.

8 ottobre 2019 - 18:15

In un mondo ideale le multe per violazione delle norme del Codice della Strada neppure esisterebbero, visto che nessun automobilista si sognerebbe mai di infrangere le regole. Ma poiché viviamo in un mondo tutt’altro che perfetto, le contravvenzioni piovono copiose e bene o male bisogna pagarle. E anche alla svelta, dato che chi paga prima risparmia un bel po’. A questo proposito ricordiamo che ci sono numerose modalità di versamento della sanzione, ed è prevista pure quella telematica. Vediamo perciò come pagare le multe online senza commettere errori.

MULTE STRADALI: TEMPISTICHE DI PAGAMENTO

Prima però riepiloghiamo brevemente quali sono le tempistiche da rispettare per il pagamento di una multa. Quando viene contestata una violazione del CdS che prevede una sanzione pecuniaria, il termine massimo previsto per pagare è di 60 giorni dalla notifica del verbale (sempre che non si abbia intenzione di fare ricorso, se ci sono i presupposti). Il termine dei 60 giorni parte esattamente dalla data del ricevimento dell’atto (in caso di contestazione differita) o da quella del rilevamento dell’infrazione (contestazione immediata). Mettendosi in regola entro 5 giorni dalla notifica dell’atto o dalla rilevazione immediata si ottiene uno sconto del 30% sull’importo della multa. Pagando dopo i primi 5 giorni ma entro i 60 previsti, si versa l’intera sanzione (cosiddetto pagamento in misura ridotta). Chi lascia trascorrere la scadenza dei 60 giorni va incontro al raddoppio della sanzione originariamente comminata, più gli interessi di mora.

COME PAGARE LE MULTE ONLINE SUL SITO WEB DEL COMUNE

In genere chi vuole pagare le multe online ha tre opzioni. La prima prevede di saldare il dovuto direttamente sul portale web del Comune che ha rilevato l’infrazione stradale. Quasi tutti i siti internet istituzionali dei vari Comuni italiani consentono l’accesso a un’area riservata che permette di pagare la contravvenzione (a Roma per esempio è raggiungibile a questo link, mentre a Milano collegandosi qui). Dopo la necessaria registrazione bisogna inserire tutti i dati richiesti, tra cui numero dell’atto, targa del veicolo, data e importo dell’infrazione. A volte viene richiesta anche l’ora in cui è avvenuta la notifica del verbale. Il pagamento di effettua con carta di credito o prepagata.

COME PAGARE LA MULTA ONLINE CON POSTE ITALIANE

La seconda opzione per pagare una multa online è il servizio messo a disposizione dal sito di Poste Italiane. Quest’opportunità richiede innanzitutto l’apertura di un account personale su Poste.it, step indispensabile per accedere alla sezione dedicata al pagamento online dei bollettini postali. Una volta entrati nell’apposita sezione basta selezionare dal menù la voce ‘Multe’ e scegliere tra le due alternative Arma dei Carabinieri o Polizia di Stato (a seconda di chi ha erogato la sanzione). Ovviamente vanno compilati tutti i form con i dati personali e con gli estremi della multa, ma la procedura è piuttosto semplice e intuitiva. Per pagare va bene una qualunque carta di credito oppure Postepay o il conto di BancoPosta online. Una volta terminata la proceduta di pagamento, attendere l’invio dell’email di conferma che vale pure come ricevuta.

COME PAGARE LE MULTE ONLINE CON L’HOME BANKING

Una terza valida opzione per pagare le multe online è rappresentata dal servizio home banking della propria banca. Inutile precisare che la procedura può cambiare da sito a sito, ma di solito tra i servizi bancari di ciascuna banca c’è sempre una sezione dedicata al pagamento delle violazioni amministrative e del Codice della Strada. Alcuni istituti bancari sono anche convenzionati con diversi Comuni, circostanza che permette di snellire la procedura. Per pagare è sufficiente inserire tutti i dati presenti sulla multa: la tipologia della sanzione, il Comune che l’ha emessa, la tipologia del verbale, il numero del verbale, l’importo, il nome del debitore e, se richiesti, l’identificativo pagamento e la data del verbale. L’importo viene prelevato direttamente dal conto corrente bancario.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidente da solo

Incidente da solo: l’assicurazione risarcisce i danni?

Assicurazione ciclisti

Assicurazione ciclisti: che cosa copre la garanzia

Tutor autostrade 2019

Tutor non a norma: multe annullate se non c’è taratura periodica