Agenzia pratiche auto: requisiti per aprire uno studio di consulenza

L’apertura di un’agenzia di pratiche auto o studio di consulenza automobilistica richiede precisi requisiti: ecco cosa serve per avviare l’attività

11 maggio 2021 - 13:25

Aprire un’agenzia di pratiche auto o Studio di consulenza automobilistica è un’idea che può generare un buon flusso di clienti se si offre un livello di servizi trasversale. Vuoi sapere cosa serve per aprire un’agenzia di pratiche auto? In questo articolo parleremo proprio dei requisiti che servono per avviare un’attività di servizi di consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto.

AUTORIZZAZIONE PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ DI CONSULENZA AUTOMOBILISTICA

Per aprire un’agenzia di pratiche auto o Studio di consulenza automobilistica secondo la legge 8 agosto 1991 n. 264, è necessario essere in possesso di alcuni requisiti. Primo fra tutti l’Autorizzazione rilasciata dal Settore Viabilità e Trasporti della Provincia di appartenenza. Con cadenza annuale infatti la Provincia delibera il numero di autorizzazioni rilasciate con il metodo della programmazione numerica, in base al numero di studi operanti sul territorio e il numero di veicoli circolanti, secondo censimento ACI. Tale autorizzazione però è rilasciata solo ed esclusivamente al titolare in possesso di altri requisiti d’idoneità.

REQUISITI DEL TITOLARE PER L’APERTURA DI UN’AGENZIA DI PRATICHE AUTO

Per avviare l’attività di consulenza automobilistica (dal pagamento del bollo, passaggi di proprietà, duplicati della carta di circolazione, se autorizzati dall’UMC), il titolare dell’agenzia di pratiche auto deve avere questi requisiti:

– cittadino italiano o cittadino di uno degli Stati membri dell’Unione Europea stabilito in Italia o cittadino extracomunitario munito di regolare permesso di soggiorno e residente in Italia;

– abbia compiuto la maggiore età;

estraneo a condanne definitive per delitti contro la pubblica amministrazione, l’amministrazione della giustizia, la fede pubblica, l’economia pubblica, l’industria;

– non essere stato sottoposto a misure amministrative di sicurezza personali o a misure di prevenzione ed il commercio (d.lgs. 159/2011);

– non avere in corso nei propri confronti un procedimento per dichiarazione di fallimento;

– essere in possesso dell’attestato di idoneità professionale (art. 5 della legge 8 agosto 1991 n. 264);

IDONEITA’ PROFESSIONALE PER LO STUDIO DI CONSULENZA AUTOMOBILISTICA

L’attestato di idoneità professionale all’esercizio dell’attività di consulenza automobilistica è rilasciato dalla Direzione generale della motorizzazione civile. Per essere abilitati all’apertura di un’agenzia di pratiche auto bisogna superare una prova scritta basata su quesiti a risposta multipla su:

– nozioni della circolazione stradale;

– legislazione sull’autotrasporto;

– disciplina della navigazione;

– legislazione complementare, sul pubblico registro automobilistico e tributaria afferente al settore;

AGENZIA PRATICHE AUTO: CARATTERISTICHE DEI LOCALI E CAPACITA’ FINANZIARIA

Le disposizioni di legge prevedono inoltre che l’avvio dell’attività di consulenza avvenga disponendo di locali idonei e delle attrezzature informatiche adeguate al servizio erogato (soprattutto per la stampa dei documenti autorizzata dalla Motorizzazione). In particolare:

– i locali devo avere categoria catastale C/1 o A/10;

– il titolare deve dimostrare di possedere adeguata capacità finanziaria, da presentare mediante un’attestazione di importo pari ad almeno 51.645,69 euro;

Chiaramente queste sono le informazioni principali, che si possono approfondire tramite gli uffici della Provincia di competenza, in merito a richiesta autorizzazione e svolgimento degli esami.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a rate

Pagare bollo auto online con SPID: come funziona?

Quando un'auto diventa d'epoca?

Revisione auto storiche e d’epoca: quando e come farla

Auto usate: -8% i passaggi di proprietà a novembre