RC auto nel 2019

Rimborso del sinistro: che cos’è e come funziona

Procedura di rimborso del sinistro: che cos'è e come funziona il meccanismo per evitare l'aumento della classe di merito in caso di incidente con colpa

9 ottobre 2020 - 16:00

Che cos’è e come funziona il rimborso del sinistro? È una procedura, esistente dal 2007 ma non nota a tutti, che permette, a coloro che nel corso del periodo di osservazione hanno causato un sinistro stradale con responsabilità principale, di evitare l’aumento della classe di merito rimborsando alla CONSAP o alla propria compagnia assicurativa l’importo già liquidato al danneggiato. Come si può facilmente intuire, si tratta di una misura da prendere in considerazione se l’importo da rimborsare risulta inferiore alla maggiorazione del premio assicurativo prevista per lo scatto di due classi di merito, come da normativa.

COME CHIEDERE IL RIMBORSO DEL SINISTRO

Le modalità per richiedere il rimborso del sinistro dipendono dal tipo di incidente in cui si è rimasti coinvolti, a seconda che si tratti di un sinistro gestito con procedura di risarcimento diretto oppure con procedura di risarcimento ordinario (cliccare sui rispettivi link per scoprire la differenza). Nel caso di risarcimento diretto, infatti, la richiesta di rimborso dev’essere obbligatoriamente inoltrata alla CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici), a cui per legge spetta il compito di gestire l’intera pratica. Per i sinistri con risarcimento ordinario occorre invece rivolgersi alla compagnia che ha preso in carico e liquidato il sinistro al danneggiato, ossia la propria.

COME FUNZIONA LA RICHIESTA DI RIMBORSO DEL SINISTRO ALLA CONSAP

Il primo step per la richiesta alla CONSAP consiste nel conoscere l’importo effettivamente liquidato al danneggiato, per capire se sia meglio rimborsare il sinistro o subire la maggiorazione del premio per l’aumento di due classi di merito. La richiesta può essere inoltrata dal contraente del veicolo assicurato responsabile dell’incidente; oppure da un intermediario munito di delega, collegandosi a questa pagina. Chi presenta la richiesta dev’essere in possesso dei seguenti dati:

– data del sinistro;
– targa del responsabile;
– targa del danneggiato;
– compagnia assicurativa del responsabile;
– compagnia assicurativa del danneggiato;
– dati anagrafici del contraente della polizza del veicolo responsabile.

Nonché, molto importante, di una copia del proprio attestato di rischio contenente l’indicazione dei sinistri a titolo definitivo nel corso dell’annualità assicurativa.

Al momento di inviare la richiesta si può scegliere di ricevere la risposta per email (scelta consigliata perché velocizza l’iter ) oppure per posta ordinaria. Se si opta per la risposta tramite email bisogna allegare una copia del documento di identità e del codice fiscale del contraente e dell’eventuale intermediario con delega. Ulteriori informazioni qui.

In alternativa al sito della CONSAP, la richiesta di rimborso del sinistro può essere inviata anche per posta ordinaria (Consap Spa, Servizio Stanza di Compensazione, Via Yser 14 00198 – Roma) oppure per email all’indirizzo di posta elettronica rimborsistanza@consap.it (utilizzabile anche per richiedere informazioni).

A prescindere dalla modalità scelta, CONSAP consiglia di trasmettere le richieste non prima che siano trascorsi 30 giorni dall’accadimento del sinistro per motivi tecnici relativi al caricamento del sinistro stesso da parte delle compagnie di assicurazione.

COSA FA CONSAP QUANDO RICEVE LA RICHIESTA DI RIMBORSO DEL SINISTRO

Una volta ricevuta la richiesta e fatte tutte le verifiche opportune, CONSAP provvede a comunicare al richiedente, per email o posta ordinaria, l’importo del sinistro liquidato. Per ragioni di riservatezza non può essere anticipata alcuna risposta né telefonicamente né via fax. A quel punto il contraente della polizza assicurativa del veicolo responsabile, se ritiene conveniente rimborsare il sinistro, può corrispondere il relativo importo direttamente alla Stanza di compensazione, tramite bonifico bancario sul conto corrente dedicato (che gli verrà ovviamente comunicato). Dopodiché CONSAP provvede a rilasciare l’attestazione di avvenuto pagamento con la quale il contraente della polizza può recarsi presso la propria compagnia e richiedere la riclassificazione del contratto.

COME FUNZIONA IL RIMBORSO DEL SINISTRO CON LA PROPRIA COMPAGNIA

Come detto all’inizio, se il sinistro è stato gestito con la procedura di risarcimento tradizionale (ossia il danneggiato si è rivolto per l’indennizzo all’assicurazione del responsabile), l’importo del rimborso e gli estremi per effettuare il pagamento vanno richiesti alla propria compagnia, ossia quella che ha liquidato il sinistro. Alla ricezione del versamento, la compagnia provvede a rettificare l’attestato di rischio riportando la classe di merito ai valori pre-incidente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Patente di guida: quali sono i requisiti per l’udito richiesti

Sospensione assicurazione auto

Prezzi RC auto Italia vs Europa 2020: i Paesi dove si paga meno

Come scalare le marce: consigli all’uso corretto del cambio