Dichiarazione dei redditi 2020

Dichiarazione dei redditi 2022 e assicurazione auto: cosa si può detrarre?

Quando si presenta la dichiarazione dei redditi 2022, l'assicurazione auto si può detrarre? Tutte le informazioni sulle polizze eventualmente deducibili

23 maggio 2022 - 9:57

Quando si presenta la dichiarazione dei redditi 2022 l’assicurazione auto è detraibile? In effetti visti i costi spesso esorbitanti della RC auto obbligatoria, molti contribuenti sperano di rientrare almeno parzialmente dalla spesa usufruendo di qualche agevolazione fiscale. Ma l’attuale normativa non è particolarmente generosa verso gli automobilisti, tranne in un caso.

Aggiornamento del 23 maggio 2022 con le ultime novità sulla detrazione dell’assicurazione auto nella dichiarazione dei redditi.

ASSICURAZIONE AUTO DETRAIBILE FINO AL 2014

A partire dall’anno d’imposta 2014, infatti, non è più possibile detrarre l’assicurazione RC auto dalla dichiarazione dei redditi. Fino a quella data era ancora deducibile la quota della polizza garantita e versata al Servizio Sanitario Nazionale. La detrazione di quella voce si applicava solo ed esclusivamente agli importi superiori a 40 euro, sulla cifra eccedente. Viceversa per importi inferiori non c’era nessun tipo di agevolazione. Ma il decreto legge 102/2013 ha cancellato questa possibilità, stabilendo che il contributo al SSN calcolato sui premi delle assicurazioni dei veicoli e dei natanti non è più deducibile indipendentemente dal relativo importo.

LA DETRAZIONE SULLA POLIZZA INFORTUNI CONDUCENTE

Non ci sono quindi speranze, per chi compila la Dichiarazione dei Redditi 2022, di rientrare dalle spese dell’assicurazione auto? In realtà un’opportunità c’è, anche se indiretta: sono infatti detraibili dall’Irpef, nella misura del 19%, le spese sostenute per le polizze assicurative che prevedono il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5%, da qualsiasi causa derivante. La detrazione spetta anche per i premi versati per le assicurazioni contro gli infortuni relative al conducente auto, stipulate di norma in aggiunta all’ordinaria polizza RC auto, ed è calcolata su un ammontare massimo di 530 euro, da intendersi complessivamente, anche in presenza di una pluralità di contratti.

SPECIFICHE DELLA DETRAZIONE

Per usufruire della detrazione del 19% sull’assicurazione infortuni del conducente bisogna però rispettare alcuni criteri. In particolare il beneficio spetta per i premi versati (anche a compagnie assicurative estere) per:

– i contratti di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni, stipulati o rinnovati entro il 31 dicembre 2000, a condizione che la durata del contratto sia almeno di 5 anni e che per tale periodo non sia consentita la concessione di prestiti;

– i contratti stipulati o rinnovati dal 2001, a condizione che abbiano ad oggetto il rischio di morte o invalidità permanente non inferiore al 5%.

Attenzione: nel 2020 è stato introdotto un limite del reddito.  Significa che la detrazione spetta per intero solo ai titolari di reddito complessivo fino a 120.000 euro. In caso di superamento di tale limite, il credito decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 240.000 euro. Inoltre, sempre dal 2020, le spese assicurative risultano detraibili soltanto se sostenute con sistemi di pagamento tracciabili.

I documenti da allegare quando si presenta la dichiarazione dei redditi 2022 sono la ricevuta di pagamento del premio assicurativo e la copia del contratto.

ALTRE COSE DA SAPERE SULLA DETRAZIONE DELLA POLIZZA

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 13/E del 2019 (pagina 160), ha inoltre chiarito che “nel caso di polizze assicurative stipulate dal contraente relative all’autovettura, a copertura del rischio morte e invalidità del conducente terzo, la detrazione non spetta per il relativo premio se il soggetto assicurato non è individuato in quanto può essere un qualsiasi conducente del veicolo. La detrazione spetta, invece, qualora il conducente sia un soggetto individuato nella polizza auto e abbia i requisiti precedentemente elencati.”

Significa che la detrazione spetta soltanto se nel contratto è indicato espressamente il conducente e che questo sia l’intestatario della dichiarazione su cui si opera la detrazione; oppure un familiare a carico del dichiarante.

Mentre la garanzia per gli infortuni non è detraibile se tutela chiunque sia alla guida e non un solo soggetto preventivamente individuato; oppure un solo soggetto, ma che non sia né il dichiarante né un suo familiare a carico.

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2022: SCADENZE PREVISTE

Anche quest’anno, a causa del persistere dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, la scadenza per l’invio del modello 730 (per lavoratori dipendenti e pensionati) è fissata più tardi del solito, al 30 settembre 2022. La data è la stessa per chi presenta la dichiarazione precompilata (disponibile dal 30 aprile) e per chi invia il modulo ordinario compilato dal sostituto d’imposta, da un CAF o dal proprio commercialista. Il termine ultimo per chi presenta la dichiarazione con modello Redditi Persone Fisiche (ex Unico) è fissato invece al 30 novembre 2022. Il modello Redditi PF è quello per titolari di partita Iva e lavoratori autonomi in genere.

CALCOLA PREVENTIVI RC AUTO E CONFRONTA LE OFFERTE

Se dopo aver usufruito della detrazione dell’assicurazione auto nella dichiarazione dei redditi si vuole provare a cambiare la polizza RC Auto, cliccando sull’immagine seguente e inserendo due semplici dati come la targa del veicolo e la data di nascita del proprietario del mezzo, in pochi minuti sarà possibile confrontare gratuitamente i preventivi di numerose compagnie e scegliere l’offerta più vantaggiosa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bollo auto a metano

Bollo auto acquistata usata da un privato: chi lo paga?

Assicurazione auto come fare reclamo all'IVASS

Assicurazione auto: come fare reclamo all’IVASS

Assicurazione auto

Constatazione amichevole: vale il verbale polizia o la testimonianza?