Crash test Euro NCAP: criteri di valutazione

Euro NCAP mette alla prova la sicurezza attiva e passiva delle auto dal 1997. Scopri da dove escono fuori le stelle dei crash test europei

25 febbraio 2017 - 16:57

Sempre più consumatori sono attenti alla sicurezza delle auto. Così uno degli aspetti più importanti è diventato il risultato del crash test. Quasi tutte le auto moderne raggiungono le 5 stelle con facilità, ma alcuni modelli ancora non riescono a fare meglio di 3 o 4 stelle. C’è da stare attenti con l’auto nuova quanto con l’auto usata, poiché potrebbero nascondere entrambe standard di sicurezza vecchi anche di oltre 10 anni. Per scoprire se l’auto che state comprando (o già guidando) sia davvero sicura, basta consultare le schede tecniche presenti nella rubrica Crash test. SicurAUTO.it pubblica in tempo reale i crash test eseguiti da Euro NCAP (ente non governativo che testa la sicurezza delle auto in Europa) ed è l’unico portale in Italia che li traduce in italiano per una migliore comprensione e discussione dei risultati.

I PROTOCOLLI EURO NCAP E’ necessario sapere che negli anni il protocollo Euro NCAP è stato modificato, anche sensibilmente per seguire il processo evolutivo della sicurezza attiva e passiva delle automobili. Ecco perché a volte il punteggio di un’auto può abbassarsi quando testata nuovamente con i protocolli più severi. E’ importante ricordare sempre che vetture testate secondo protocolli differenti non sono direttamente confrontabili. Qui sotto trovate nel dettaglio i principali protocolli Euro NCAP dal 1997 ad oggi, se invece siete curiosi di conoscere anche tutti i manichini presenti nelle auto sottoposte ai crash test leggete questo speciale.

Ricordatevi che qualsiasi auto, anche se estremamente sicura, non potrà mai proteggervi dalle leggi della fisica. Guidate sempre con la testa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Airbag “depotenziati” sui modelli Dacia: Latin NCAP accusa Renault

Crash test Jeep Renegade 2019: solo 3 stelle Euro NCAP senza AEB

Crash test IIHS 2020 più severi: il 23% muore negli incidenti laterali gravi