Suzuki Jimny delude nei crash test: 4 modelli sotto i riflettori Euro NCAP

Nuovi crash test Euro CNAP a 5 stelle per Audi e Volkswagen con buoni risultati per il Ford Tourneo. Migliorabile la protezione della Suzuki Jimny

19 settembre 2018 - 11:20

La terza sessione dei crash test Euro NCAP del 2018 vede come protagonisti quattro nuovi modelli. Le rinnovate Audi A6 e Volkswagen Touareg raggiungono il massimo punteggio grazie a un'ottima prestazione per i sistemi di assistenza alla guida e alla protezione degli utenti vulnerabili della strada. La versione aggiornata del Ford Tourneo Connect ha ottenuto quattro stelle, ed è il primo della categoria ad essere dotato di frenata autonoma e mantenitore di corsia nella versione passeggeri e anche in quella commerciale. I sistemi di assistenza alla guida presenti a bordo della Suzuki Jimny non funzionano a dovere, relegandola al gruppo delle auto a 3 stelle.

AUDI A6 La rinnovata berlina tedesca offre una buona protezione in tutti e quattro i crash test, sia per gli adulti sia per i bambini. Qualche leggera debolezza è stata riscontrata sul torace del conducente nel crash test frontale offset e su entrambi gli occupanti nel crash test frontale pieno. La dotazione di sistemi di supporto alla guida è buona, da segnalare l'ottimo comportamento della frenata autonoma, specialmente per quanto riguarda i pedoni e i ciclisti, anche in condizioni di scarsa luminosità. Manca solamente il rilevatore di segnali stradali, che proietta nel cruscotto il limite di velocità vigente sul tratto di strada percorso.

VOLKSWAGEN TOUAREG La protezione offerta al torace degli occupanti nei due crash test frontali della Touareg è stata mediocre. Anche nel più severo dei crash test laterali, quello del palo, è stata data una valutazione media alle costole. I bambini sono stati adeguatamente protetti nei crash test. Per quanto riguarda la protezione pedoni il bordo alto e rigido del cofano danneggia gravemente il bacino dell'investito. Buono il funzionamento della frenata autonoma in ottica pedoni e ciclisti, con qualche leggero problema in condizioni di scarsa luminosità. La dotazione di sistemi di aiuto alla guida è completa, e il funzionamento è stato verificato e la valutazione di tutti è buona.

FORD TOURNEO CONNECT  Il Tourneo Connect ha garantito una buona protezione nel crash test offset, nel crash test frontale invece il bacino del conducente di bassa statura scivola sotto la cintura addominale, facendo perdere punti alla valutazione del pilota. Sempre nel crash test frontale il torace del passeggero posteriore ottiene una valutazione mediocre. Nel crash test offset i bambini ottengono un buon risultato, tuttavia il manichino di 10 anni è stato penalizzato per lo scivolamento della cintura di sicurezza dalla spalla. Il sistema di frenata autonoma ha avuto difficoltà nel funzionamento con i ciclisti che attraversano la strada. La dotazione di sicurezza del Tourneo Connect è interessante, soprattutto considerando che anche la versione commerciale è dotata di assistente di velocità (con telecamera per i segnali dei limiti), assistenza al mantenimento della carreggiata e frenata autonoma a tutte le velocità.

SUZUKI JIMNY Il piccolo fuoristrada giapponese si rinnova completamente e porta in dote anche una buona dotazione di sicurezza. Resta conunque il telaio a longheroni e traverse, per non dimenticare la sua indole di vero fuoristrada. Nei crash test frontali sono venuti fuori i limiti del talaio separato unito alle piccole dimensioni: la struttura dell'abitacolo è stata giudicata vicina al collasso nel crash test offset. Sono stati riscontrati problemi al torace del conducente nell'offset e alla testa del passeggero posteriore nel frontale pieno. Sempre nel crash test offset la pressione insufficiente all'interno dell'airbag e lo spostamento indietro del volante non evitano il contatto fra la testa e quest'ultimo, penalizzando la valutazione della testa e fornendo un risultato mediocre. Marginale anche la protezione dal colpo di frusta in caso di tamponamento, non consentendo quindi la valutazione del sistema AEB per le basse velocità. I bambini, al contrario, ottengono una buona protezione nei crash test. La protezione dei pedoni è buona, il sistema di frenata autonoma invece si comporta male nei test di verifica. La dotazione di sicurezza è buona per il segmento delle utilitarie, tuttavia il funzionamento nei test è criticabile: l'assistenza alla velocità prevede solo un limitatore impostabile manualmente, il supporto al mantenimento della corsia è solamente acustico e il sistema di frenata autonoma extraurbano mostra qualche limite. Con un migliore funzionamento di questi sistemi e qualche piccolo aggiustamento in ottica crash test la Suzuki Jimny poteva ottenere un risultato migliore.

Come sempre troverete tutti i ricultati in dettaglio nella nostra area Crash Test, con foto, video, dati e descrizioni complete in italiano.

 





 

AUDI A6
93%
85%
81%
76%

FORD TOURNEO CONNECT
92%
79%
65%
75%

SUZUKI JIMNY
73%
84%
52%
50%

VOLKSWAGEN TOUAREG
89%
86%
72%
81%

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuovo cambio MQ281: Volkswagen lancia la trasmissione che taglia la CO2

Volkswagen ID3: la produzione dell’auto elettrica pezzo per pezzo

Le auto nuove sono pericolose per le donne?