Autoriparazione: attività in crescita nel secondo semestre 2022

8 officine di autoriparazione su 10 prevedono che il livello di attività nel 2023 resterà stabile: il report dell’Osservatorio Autopromotec

23 novembre 2022 - 11:55

Il primo semestre dell’anno per l’attività di autoriparazione in Italia è stato piuttosto negativo. Guardando alle previsioni di fine 2022 e inizio 2023 gli autoriparatori hanno fornito risposte prevalentemente positive.  È quanto emerge dai giudizi degli operatori sull’attività di officina, analizzati dal Barometro dell’assistenza auto, elaborato dall’Osservatorio Autopromotec, la principale rassegna internazionale dell’Independent Aftermarket. Ecco i dati in dettaglio.

OFFICINE DI AUTORIPARAZIONE: CRESCONO I GIUDIZI POSITIVI SULL’ATTIVITA’

L’indagine condotta mensilmente su un campione rappresentativo di officine di autoriparazione in Italia ha rivelato che negli ultimi cinque mesi, la differenza tra la percentuale di autoriparatori che hanno indicato alto il livello di attività di officina e la percentuale di autoriparatori che invece lo hanno valutato basso, è sempre stata positiva. In particolare, a ottobre il saldo dei giudizi degli autoriparatori è stato di +9%, in crescita rispetto al +5% di settembre e al +1% di agosto. Il bilancio è di poco inferiore solamente al risultato registrato a luglio (+11%), mese in cui le attività di officina sono tradizionalmente più frequenti per le partenze dei vacanzieri.

PREZZI RIPARAZIONE AUTO STABILI FINO A FINE 2022

L’andamento dei giudizi sull’attività di officina da maggio a ottobre risulta essere incoraggiante, secondo l’Osservatorio, considerando i risultati negativi fatti registrare nella prima parte dell’anno, in particolare a marzo (-31%) e aprile (-17%). Oltre ad analizzare il sentiment degli operatori sulle attività, il Barometro dell’Osservatorio Autopromotec ha preso in considerazione anche il livello dei prezzi di officina. A ottobre gli operatori che hanno riferito di prezzi alti sono stati di più di quelli che li hanno valutati bassi, come dimostra il saldo di +7%, valore in leggero calo rispetto ai mesi precedenti. Clicca l’immagine sotto per vederla a tutta larghezza.

PREVISIONI SU ATTIVITA’ E PREZZI DI OFFICINA 2023

L’indagine dell’Osservatorio Autopromotec scandaglia anche i pareri sulle previsioni di inizio 2023:

– l’81% degli intervistati si aspetta un inizio anno con una domanda stabile per le attività di officina;

– il 16% immagina un aumento dell’attività;

– il 3% prevede un calo.

Anche per quanto riguarda i prezzi a prevalere è una previsione sulla stabilità (80%), anche se una parte di autoriparatori si aspetta un aumento (16%) e in pochi, al contrario, un calo (4%).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Motorsport: la filiera italiana vale 2 miliardi di fatturato l’anno

Mercato auto: l’Europa ha perso competitività per il CEO VW

Batterie al litio: sotto il 70% la capacità si riduce prima. L’indagine