Recensione AirZing Mini: il purificatore d’aria per auto con raggi UV

Abbiamo messo alla prova il purificatore d’aria per auto Osram AirZing Mini: ecco come i raggi UV ripuliscono l’aria da virus, batteri e funghi

13 maggio 2021 - 9:27

Esattamente come a casa o in ufficio, un buon purificatore d’aria per auto aiuta a stare più tranquilli in tempi del Covid. Ma diventa anche una necessità quando i passeggeri non sono conviventi o compagni di viaggio abituali. In questi casi, sanificare, disinfettare e igienizzare l’abitacolo sono le operazioni più comuni ma con effetti diversi e non sempre sono tutte efficaci contro i virus. Ecco perché dopo aver spiegato come funziona la sanificazione con i raggi UV-C, vogliamo parlarvi di un piccolo ma potente accessorio che non può mancare in auto. Si chiama Osram AirZing Mini e sfrutta i raggi UV innocui per ripulire l’abitacolo auto da muffe, batteri e virus, e lo fa senza farsi notare. Lo abbiamo provato per voi e adesso vi diremo come funziona, con pro contro e info utili per sfruttarlo al meglio.

PURIFICATORE D’ARIA PER AUTO OSRAM AIRZING MINI: COS’È

Prima di passare alla recensione del purificatore aria da auto, vediamo cos’è l’AirZing Mini di Osram e cosa cambia rispetto alla versione più “grande” del sanificatore UV. Con l’emergenza sanitaria da Covid-19, Osram è scesa in campo sfruttando le sue competenze nel settore dell’illuminazione contro il Coronavirus. Ne è nato l’apparecchio AirZing Pro con luce UV-C a 253,7 nm per sanificare ambienti di lavoro, ospedalieri e laboratori utilizzabile solo in modo circoscritto e controllato. L’AirZing Mini eredita la stessa missione: purificare l’aria in auto con i raggi UV-A. Proprio come i raggi solari per abbronzare la pelle, ma sufficienti a neutralizzare virus e batteri in auto senza nuocere alla salute dei passeggeri. Come vedremo nei paragrafi successivi infatti AirZing Mini è stato progettato per poter essere pulito senza alcun rischio di lesioni agli occhi.

OSRAM AIRZING MINI: COME PURIFICARE L’ARIA IN AUTO

Il purificatore d’aria per auto Osram AirZing Mini sfrutta l’azione di 4 LED UV-A e di un filtro microporoso in Nichel e biossido di Titanio per attivare una reazione fotocatalitica. In pratica l’aria viene aspirata dalla base e ripulita da batteri e funghi fino al 99% quando attraversa i LED UV per poi uscire dalla parte superiore. L’effetto purificante agisce anche su formaldeide, composti organici volatili e cattivi odori fino al 90%. Basta pensare all’odore provocato dalle muffe in inverno nei condotti del climatizzatore, all’aria viziata che si forma con il ricircolo attivo o all’odore di auto nuova che ad alcune persone provoca mal di testa. Inoltre, l’AirZing Mini nasce principalmente per purificare l’aria da possibili minacce virali (anche un semplice raffreddore che entra in auto con i passeggeri).

TEST OSRAM AIRZING MINI: IL PURIFICATORE D’ARIA FUNZIONA?

“L’AirZing Mini è pensato in particolare per veicoli con frequenti passeggeri non abituali, come Taxi ed NCC”, ci spiega Arnaldo Agnolon, Sales Channel Manager OSRAM Automotive Aftermarket. “Ma può tranquillamente essere utile sulla scrivania dell’ufficio o nell’auto di famiglia per maggiore sicurezza. Lo accendi e te lo dimentichi tanto che è silenzioso (meno di 25 dB, ndr)”. In effetti appena colleghiamo l’AirZing Mini tramite la presa USB-C all’accendisigari (l’adattatore non è incluso nel kit), ci accorgiamo che è in funzione solo grazie al logo Osram che s’illumina di blu. Qualche istante dopo si avverte subito un delicato soffio d’aria con un piacevole odore di pulito. Dopo alcuni minuti chi sale in auto si accorge subito di qualcosa di diverso e rassicurante (oltre al logo blu di cui vi parliamo nel paragrafo successivo). Quanto tempo serve all’AirZing Mini per purificare l’abitacolo di un’auto? Come ci spiega Arnaldo Agnolon, “Una volta attivato, AirZing Mini purifica l’abitacolo di un’auto di dimensioni medio–grandi in circa 20 minuti, ma si può lasciare tranquillamente acceso durante la guida poiché ha un consumo bassissimo”.

OSRAM AIRZING MINI: PRO, CONTRO E CONSIGLI SUL PURIFICATORE PER AUTO

Durante le nostre prove abbiamo utilizzato l’AirZing Mini di Osram costantemente e l’effetto purificante non è mai risultato fastidioso anche dopo varie ore alla guida. E’ il vantaggio principale dell’azione fotocatalitica che non ricorre a prodotti chimici. Le dimensioni sono abbastanza compatte (8 x 5 cm) da trovargli posto nel bracciolo centrale o tra i posti anteriori e posteriori. E’ la posizione che abbiamo preferito di più rispetto al montaggio su plancia. Altrimenti la luce blu potrebbe finire direttamente verso gli occhi del guidatore. E quando serve pulirlo? La manutenzione è semplicissima. Basta solo sganciare il filtro dalla parte inferiore, come spiega il manuale, lavarlo sotto l’acqua corrente e asciugarlo prima di rimontare l’AirZing Mini. Ma alla fine del nostro test, lo consigliamo? Ecco i nostri commenti in breve:

PRO                        

– Con l’AirZing Mini, Osram ha realizzato sicuramente un accessorio versatile ed efficace in molti contesti al prezzo di un gadget hitech (prezzo listino 59 euro);

– Il funzionamento è talmente silenzioso che si avverte l’azione purificante solo grazie all’odore di pulito che si percepisce, ma senza mai pervadere fastidiosamente l’abitacolo;

– Le dimensioni compatte lo rendono molto pratico, a patto di avere un vano portaoggetti nella plancia o nel bracciolo centrale. In alternativa si può attaccare anche alle bocchette tramite la clip magnetica o appoggiarlo semplicemente sulla scrivania dell’ufficio collegato a un qualsiasi alimentatore a 5V;

CONTRO

– La luce del logo blu è un elemento di design che crea anche atmosfera, ma in alcune situazioni di guida (soprattutto di sera) si nota maggiormente. Se credete possa disturbarvi, basta spostare l’AirZing Mini fuori dal campo visivo del conducente (nella parte bassa della plancia o al centro dell’abitacolo).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Acqua nel radiatore: distillata o di rubinetto?

Kit di riparazione gomme auto: guida all’acquisto

Pulizia tettuccio auto cabrio: come farla nel modo corretto