Sistemi ADAS, il boom di sensori e telecamere vale 26 miliardi di dollari

Il futuro dell'auto è nel segno dei sistemi ADAS ma oltre alle abitudini degli automobilisti la tecnologia cambierà anche il mondo della riparazione

5 aprile 2018 - 12:47

Il futuro prossimo dell'auto non sarà autonomo o automatizzato come tutti credono o almeno non sarà questa la grande svolta che cambierà radicalmente le abitudini degli automobilisti alla guida. E' quanto emerge da proiezioni sempre più delineate del trend di crescita dei sistemi ADAS cioè tutti questi sistemi di sicurezza attiva e assistenza alla guida che in misura variabile possono prendere momentaneamente il controllo dell'auto per evitare un incidente. Entro il 2025 secondo le previsioni di un'importante fiera internazionale dell'aftermarket, telecamere e sensori triplicheranno i volumi di un mercato che si attesta sui 26 miliardi di dollari nel mondo.

DA 8 A 26 MILIARDI DI DOLLARI Una previsione non tanto fantasiosa se si pensa che anche il Parlamento europeo sta prendendo sempre di più in considerazione l'idea di stralciare delle direttive in merito all'adozione obbligatoria dei sistemi ADA S per tutte le auto, ne abbiamo parlato in maniera approfondita qui. Secondo le analisi di Bain & Company, il trend dei sistemi ADAS creerà un nuovo scenario mondiale per tutta la filiera screscendo di 3,2 volte rispetto agli 8 miliardi di dollari stimati nel 2016. Un  esempio lampante viene anche dalla nostra recente inchiesta sulla riparazione delle auto dotate di sistemi ADAS, in officina li sanno calibrare? Scoprilo qui che vede già le reti preparate a queste nuove tecnologie e pian piano tutte le officine dovranno adeguarsi per poter mettere le mani su sistemi più sofisticati dei più semplici sensori di parcheggio.

LE OFFICINE DOVRANNO ADEGUARSI Normalmente infatti i sensori dei sistemi Adas (guarda in questo video come funzionano i sistemi ADAS) vengono posizionati sul parabrezza, dietro lo specchietto retrovisore, nei retrovisori laterali o dietro al paraurti anteriore. A prescindere da dove sono, sarà fondamentale per l'autoriparatore riconoscere la tecnologia, ripararla e ricalibrare il sistema (magari anche rivolgendosi alla rete ufficiale se proprio non vuole acquistare l'attrezzatura, ma poter individuare i componenti dei sistemi ADAS si può considerare una prerogativa del meccatronico che ha sostituito il tradizionale meccanico, leggi qui). Per la manutenzione e la ricalibratura di tali sistemi occorrono quindi formazione, strumenti dedicati e competenze che gli autoriparatori devono acquisire per offrire un servizio sempre adeguato all'evoluzione tecnologica. Nel video qui sotto ad esempio puoi vedere come si calibra una telecamera dopo aver sostituito il parabrezza.

SE DI MEZZO CI SONO LE AUTO ROBOT Al recente CES di Las Vegas 2018 le stime hanno avuto proporzioni molto superiori rispetto a quanto annunciato qui sopra, ma la proiezione del mercato mondiale a 183 miliardi di dollari entro il 2022 è sostanzialmente dovuta a valutazioni che vedono i sistemi ADAS sempre più impegnati nella guida autonoma. Va ricordato comunque che dalla fase sperimentale dei livelli più elevati (leggi qui quanti livelli di guida autonoma esistono e cosa cambia) all'industrializzazione e vendita su larga scala passeranno ancora un bel po' di anni; e basta pensare al recente incidente mortale provocato da un'auto Uber sperimentale per accorgersi che non deve essere semplice neppure per le stesse aziende che ci stanno lavorando fare dei piani affidabili sui progressi delle auto robot.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

ADAS obbligatori dal 2022: ecco l’accordo dell’unione europea

Nvidia accusata di plagio: il sistema Mobileye che prevede gli automobilisti

La frenata a recupero d’energia cambia automobili e manutenzione