Riparazioni in officina

Ricambi auto aftermarket: +42% le vendite nel primo semestre 2021

Il mercato dei ricambi auto aftermarket corre veloce e in rapida ripresa: ecco quali componenti sono state più vendute nel 1° semestre 2021

20 settembre 2021 - 9:23

I ricambi auto e la componentistica aftermarket mostrano segnali di ripresa importanti secondo il rapporto semestrale dell’ANFIA. La vendita di ricambi che a causa della pandemia da Covid-19 ha arrestato la filiera dell’Independent Aftermarket è cresciuta nel fatturato del +42%. Ecco tutti i dati sull’andamento delle diverse tipologie di ricambi.

IL MERCATO DEI RICAMBI AUTO AFTERMARKET CORRE PIÙ VELOCE DELL’OE

Il rapporto dell’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica relativa al Gruppo Componenti automotive afferma che, rispetto al 2020, i ricambi auto aftermarket sono in rapida ascesa. Una situazione praticamente opposta a quella che costringe i Costruttori di veicoli a fermare e rallentare le linee di produzione per la carenza di chip. Il mercato dell’Independent Aftermarket in realtà già nella seconda metà del 2020 aveva assorbito una inusuale richiesta di filtri abitacolo (per la sanificazione e igienizzazione auto) e di batterie auto, scaricate e danneggiate durante le limitazioni agli spostamenti.

QUALI SONO I RICAMBI AUTO PIU’ VENDUTI NEL PRIMO SEMESTRE 2021

Il 2021 si presenta in prospettiva ancora più promettente, con una crescita di fatturato per tutti i principali gruppi di ricambi. Rispetto al primo semestre 2021, in cui il fatturato aftermarket era in calo del -27%, nello stesso periodo 2021 la media è del +42.2%. La crescita è tendenzialmente in aumento tra il primo trimestre (+16%) e il secondo trimestre (+83%), rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio questi sono i principali gruppi di componenti e ricambi auto aftermarket:

– componenti motore: +58,3%;

– componenti undercar: +58,2%;

– materiali di consumo: +34,2%;

– componenti elettrici ed elettronici: +29,6%;

– componenti di carrozzeria e abitacolo: +24,5%.

RICAMBI AUTO GREEN E DISTRIBUTORI PIU’ SMART

“Dopo la pesante flessione a due cifre del primo semestre 2020 e il parziale recupero (-1,5%), nella seconda metà 2020” – commenta Paolo Vasone, Coordinatore della Sezione Aftermarket del Gruppo Componenti ANFIA. “Il positivo rimbalzo del fatturato a cui stiamo assistendo in questo 2021 non deve far dimenticare che per la ripartenza del settore è fondamentale, anche per gli attori del post-vendita, abbracciare le grandi sfide dell’evoluzione tecnologica e della transizione green. In particolare, l’accelerazione verso l’elettrico, che causerà inevitabilmente una diminuzione dei ricambi rispetto all’utilizzo dei motori endotermici, può diventare un’opportunità anche per la filiera aftermarket”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Olio motore: il 20% degli automobilisti italiani non lo controlla mai

Ventosa per carrozzeria: si può riparare un’ammaccatura in fai da te?

Temperatura motore bassa: come risolvere