Revisione auto: gli italiani hanno speso 2,9 miliardi di euro nel 2018

Nel 2018 sono state eseguite quasi 14 milioni di revisioni: la spesa degli italiani per il collaudo all'auto scende dell'1%

26 febbraio 2019 - 12:56

La spesa degli italiani per la revisione auto ha tirato il freno a mano nel secondo semestre del 2018, a rilevarlo è il rapporto dell'Osservatorio Autopromotec, la rassegna internazionale dell'aftermarket, da cui emerge che a fine 2018 sono state fatte -1,8% di revisioni. Rispetto a un buon trend in crescita registrato nel primo semestre 2018, alla seconda metà dell'anno l'affluenza alle officine di revisione si è fermata a 13.959.706 veicoli, in calo rispetto all'anno precedente e questo ha ridotto a cascata anche il compenso delle officine nella stessa misura.

MENO AUTO DA REVISIONARE A FINE 2018 Rispetto alla spesa che gli italiani hanno affrontato nel 2017 (circa 2,95 miliardi di euro), il 2018 si chiude con una contrazione che sarà sicuramente oggetto di approfondimenti alla prossima biennale organizzata da Autopromotec a maggio 2019. Gli italiani hanno speso quasi 28 milioni di euro in meno per la revisione delle auto, un fenomeno che potrebbe essere spiegato anche dal picco di rottamazioni di veicoli Euro 3 spinto dai blocchi al traffico delle auto inquinanti.

QUASI LA META' DELLA SPESA IN MENO ALLE OFFICINE Il bilancio 2018 sulle revisioni auto in Italia si chiude con l'1,8 percentuale, è questa la contrazione che in uguale misura si è ripercossa, oltre che sul numero di revisioni eseguite, anche su IVA, imposte e diritti di Motorizzazione (per oltre 5,6 milioni di euro in meno) e sul compenso delle officine (per 11,6 milioni di euro). Il report dell'Osservatorio Autopromotec permette anche di stimare quanto sono costate le revisioni auto: nel 2018 i costi di revisione sono calati a 993,6 milioni, in diminuzione rispetto ai 950,9 milioni di euro del 2017.

SPESA DOPPIA PER LE PREREVISIONI Per arrivare alla cifra spesa dagli automobilisti nel 2018 di quasi 3 miliardi di euro, oltre il doppio della quota pagata per la revisione consiste nella prerevisione. Nel 2018 infatti la spesa per le prerevisioni è stata di quasi 1,99 miliardi di euro, anche questa in calo ma di solo lo 0,5% sul 2017. La prerevisione non è altro che una perizia tecnica, una verifica dei sistemi di sicurezza dell'auto con la prassi classica della revisione e in modo più approfondito rispetto al check-up che si chiede al meccanico prima di partire per le vacanze. Essendo non regolamentata e un controllo volontario che richiede comunque l'utilizzo delle apparecchiature dell'officina, può avere un costo variabile e stabilito arbitrariamente. Mentre il costo della revisione auto è stabilito dal Ministero dei Trasporti e unificato a 66,80 euro presso i Centri Prove Autorizzati. Leggi qui i 10 errori da non fare con la revisione auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Ricambisti Day 2019: i fattori che stanno influenzando l’aftermarket auto

Cos’è il LiDAR e come funziona il nuovo componente delle auto robot

ZF scommette nella guida autonoma 2getthere