Preventivo riparazione carrozzeria auto: come si legge?

Come leggere il preventivo di riparazione della carrozzeria e le cose da sapere su sigle e conteggio della manodopera di un carrozziere

9 luglio 2021 - 13:00

Non di rado può capitare di dover chiedere un preventivo di riparazione di carrozzeria, soprattutto quando non c’è alcun indennizzo assicurativo e si vuole sapere quanto costa riparare l’auto dopo un incidente. Quando il preventivo del carrozziere è redatto secondo le linee guida ufficiali dell’associazione o della rete cui appartiene potrebbero essere presenti diverse sigle e voci dal significato poco chiaro. Poiché è proprio da queste voci che spesso dipende l’importo totale del preventivo per riparare l’auto, vogliamo aiutarvi a fare chiarezza sulle sigle principali. Ecco come si legge un preventivo di riparazione auto.

PREVENTIVO RIPARAZIONE CARROZZERIA: LE SIGLE DI MANODOPERA

In qualsiasi preventivo di riparazione auto in officina, oltre al prezzo dei ricambi, ai materiali di consumo, una buona parte del costo finale è dovuto alla manodopera di riparazione auto. Il costo orario secondo le tariffe depositate alla Camera di Commercio, può variare sensibilmente se l’officina fa parte di una Confederazione, della rete ufficiale della Casa auto o di un network di officine. Così come può variare molto il tempo di manodopera (come spieghiamo nei paragrafi successivi). Ma cosa significano le sigle di manodopera nel preventivo di riparazione? Come spiega Federcarrozzieri, ci sono alcune sigle principali, che vengono aggiunte in base alla tipologia di riparazione:

– SR: smontaggio e rimontaggio. Riguarda le parti da riparare o sostituire, o comunque che devono essere rimosse per la riparazione;

– LA: lattoneria. Include le operazioni di taglio, raddrizzatura e allineamento delle lamiere, sia da riparare, sia da sostituire;

– VE: preparazione alla verniciatura e verniciatura;

– ME: meccanica. Si riferisce alle operazioni di riparazione meccanica che potrebbero essere necessarie su un’auto che ha subito un incidente;

PREVENTIVO CARROZZIERE: QUANTI TIPI E DIFFERENZE

La federazione italiana dei carrozzieri indipendenti ha chiarito anche quali sono le differenze tra preventivo, consuntivo di riparazione ed elaborato tecnico. Parlare di una o l’altra indistintamente può indurre in errore, ecco perché:

– Il preventivo: “è il conteggio analitico delle lavorazioni ancora da eseguire. Si può fare sia a vettura montata che smontata”;

– Il consuntivo: “è conteggio totale dei costi della riparazione sostenuti dall’officina, quindi l’acquisto dei ricambi, il costo delle ore di manodopera effettive, il costo dei materiali di consumo, ecc.”;

– L’elaborato tecnico: “è il conteggio dettagliato totale della riparazione. Si differenzia dal consuntivo perché riporta i prezzi a listino dei ricambi, i tempi di lavorazione di ogni singola parte (lavorata o smontata), la tariffa di manodopera a listino, i materiali di consumo a listino”;

MANODOPERA RIPARAZIONE CARROZZERIA AUTO: COME SI CALCOLA

Sul conteggio della manodopera nel preventivo di riparazione auto ci può essere molta variabilità, dovuta ad alcuni fattori non sempre chiari ai consumatori. Cerchiamo di spiegarlo qui sotto. “Esistono diversi tempari di manodopera sul mercato”, spiega Federcarrozzieri. “Nascono soprattutto per effettuare conteggi rapidi, formulare offerte ai danneggiati da parte dei periti assicurativi e per conteggi pre-lavorazioni in officina”. Altro fattore che spesso crea confusione è un distinto criterio per il conteggio delle ore di manodopera su un’auto nuova, un’auto usata e un’auto incidentata. Sono tre macro contesti molto differenti per l’impegno che possono comportare. “Il tempo reale che occorre per la riparazione non deriva da un conteggio di un tempario, ma dal tempo che si è reso necessario per effettuare riparazioni a regola d’arte. Non a caso si tratta di un lavoro artigianale, seppure con tecniche e attrezzature standardizzate e moderne. “I tempi delle case produttrici sono indicati per lo smontaggio e rimontaggio dei veicoli nuovi. Mentre le vetture in riparazione presentano due variabili fondamentali: lo stato di usura dovuto al tempo, alle ossidazioni, ecc. e le criticità per raggiungere le parti da smontare se la vettura da riparare è danneggiata”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cinghia di distribuzione: quando bisogna sostituirla?

Freni delle auto elettriche: fino a 20 kg in meno di quelli normali

BMW Serie 2 con spia cambio olio accesa fissa: come risolvere