Dischi freno: 5 errori da non fare con manutenzione e upgrade dei freni

Potenziare i freni dell’auto è possibile, a patto di non commettere gli errori più frequenti con manutenzione e upgrade dei dischi freno

2 aprile 2020 - 17:00

Quando si pensa ai dischi freno è inevitabile associare l’idea alla sicurezza di guida. Ed è anche per questo motivo che gli appassionati di motori non resistono alla tentazione di fare un upgrade dei dischi freno. Sia chiaro l’upgrade dei freni è una delle poche liberalizzazioni tuning legali in Italia. Ecco perché abbiamo voluto raccogliere con l’aiuto degli esperti Brembo i 5 errori da non fare con manutenzione e modifica dei dischi freno.

1.UPGRADE DEI DISCHI FRENO FAI DA TE

Uno degli errori frequenti legati all’upgrade fai da te dei dischi freno è pensare di poter trasformare un disco normale in un disco forato (forandolo o facendolo modificare). Si tratta infatti di una modifica strutturale dei dischi freno molto delicata che richiede gli opportuni test e verifiche per non compromettere la sicurezza della frenata. Oltretutto è scontato, ma lo ricordiamo, che i dischi nuovi alterati nelle caratteristiche non saranno più coperti da garanzia legale.

2.I DISCHI FRENO FORATI NON SONO SOLO “BUCATI”

I dischi freno, per quanto possano sembrare molto simili non sono sempre intercambiabili. Se si considera la sola tipologia dei dischi freno ventilati le caratteristiche da valutare aumentano notevolmente. Cambia il numero, le dimensioni e la posizione dei fori che definiscono le prestazioni dell’impianto frenante e la sicurezza dei freni. E questo ci porta all’errore con l’upgrade dei dischi freno seguente.

3.DISCHI FRENO NUOVI E PASTIGLIE USATE

L’errore più frequente che si verifica anche nella normale manutenzione dei dischi freno è cambiare i dischi e rimontare pastiglie vecchie e usurate in modo irregolare. Lo stesso errore si può commettere quando si sostituiscono i dischi standard con dei dischi freno più performanti, trascurando l’importanza delle pastiglie nuove o adatte all’utilizzo dell’auto. Montare pastiglie da pista, più adatte a sopportare elevati stress termici, può avere poco senso in strada, oltre a non garantire la stessa efficienza nelle frenate da traffico urbano.

4.DISCHI FRENO OMOLOGATI MA NON COMPATIBILI

Montare dischi freno forati al posto dei dischi freno lisci comporta il ricorso a ricambi auto con requisiti tecnici più elevati. I materiali, il tipo di ventilazione, le tolleranze dimensionali e di forma, devono rispettare quanto definito dal costruttore dell’impianto originale. Va ricordato a tal proposito che l’upgrade dei freni è legale finché viene effettuato a regola d’arte e con componenti omologati per il modello specifico. Non è legale, anche se tecnicamente alla portata di qualsiasi officina, montare freni più potenti recuperati da un’auto diversa, con caratteristiche tecniche diverse dei ricambi. Oltretutto non è escluso che la modifica possa rendere inefficace l’azione dei sistemi di sicurezza.

5.ACQUISTO DISCHI FRENO IN BASE AL PREZZO

Valutare i dischi freno solo dal costo può avere un senso se bisogna cambiare i dischi freno all’utilitaria di famiglia, affidandosi comunque a marche ben note di ricambi auto. Se invece dall’upgrade dei dischi freni si vuole ottenere anche un livello di affidabilità nel tempo, l’ideale è assicurarsi che i dischi di ricambio siano stati validati in test di durata e prestazioni direttamente tramite i canali ufficiali del Produttore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Recupero Energia in frenata: come funziona il KERS su Fiat Panda Hybrid

Auto ibride: manutenzione inverter e sostituzione liquido raffreddamento

I migliori aspirapolvere auto: il test su 8 modelli a confronto