Riparazioni in officina

Autoriparazione in ripresa: +28% di interventi a luglio 2020

Auto ferme a lungo e partenze per le vacanze hanno ridato ossigeno alle officine: ecco il bilancio dell’autoriparazione a luglio 2020

1 settembre 2020 - 9:02

Il settore dell’autoriparazione registra un deciso miglioramento dopo il peggiore rallentamento della sua storia, dovuto all’emergenza Coronavirus. A luglio 2020 l’attività di riparazione auto fa un guizzo legato non solo alle partenze estive ma anche agli interventi di manutenzione rimandati durante il lockdown. Ecco i giudizi degli autoriparatori in un sondaggio sull’assistenza auto elaborato dall’Osservatorio Autopromotec, la più importante rassegna internazionale per attrezzature da officina.

IL BILANCIO DELL’AUTORIPARAZIONE SPINTO DA INTERVENTI RIMANDATI

L’attività di riparazione e manutenzione auto, dà i primi segni di ripresa, del resto come avevamo anticipato qui con le previsioni sull’Aftermarket. Come mostra il grafico sotto, a luglio 2020, la differenza tra la percentuale di autoriparatori che hanno indicato un alto livello di attività e chi lo ha valutato basso, è stata pari a 28%. Si tratta del saldo positivo più alto del 2020 – spiega l’Osservatorio Autopromotec – ed è in aumento di più del doppio rispetto alla crescita di giugno (+13%). Il saldo è anche in netta risalita rispetto ai numeri catastrofici di marzo (-90%) e di aprile (-94%) a causa dell’emergenza Coronavirus. Ad incidere sulla ripresa delle attività è sicuramente il fatto che, in questo periodo, gli autoriparatori si trovano alle prese con una maggiore quantità di interventi d’officina che sono stati precedentemente rinviati nei primi mesi del 2020.

PREZZI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE AUTO IN OFFICINA

Il Barometro dell’assistenza auto ha analizzato poi anche la situazione per quanto riguarda il livello dei prezzi in officina. A luglio 2020 gli autoriparatori che lo hanno giudicato basso sono stati di più di quelli che lo hanno valutato alto, come dimostra il saldo che si attesta a quota -3%. I prezzi di officina si confermano così su livelli sostanzialmente bassi, anche se, – spiega l’Osservatorio – la tendenza è positiva (dal saldo a quota -53% di aprile si è passati al -17% di maggio e al -7% di giugno).

LE PREVISIONI DEGLI AUTORIPARATORI SUL 2020

Cosa si aspettano gli operatori della manutenzione e riparazione auto? Interpellati sulle previsioni a 3-4 mesi, gli autoriparatori confidano in una situazione di stabilità del livello di attività delle officine (68%). I giudizi di chi si aspetta un aumento del volume di attività (24%) prevale rispetto a chi ritiene che vi possa essere un calo (8%), al netto di colpi di scena dovuti a temibili nuovi lockdown. Per ciò che riguarda il livello dei prezzi, sempre secondo i giudizi degli autoriparatori, a luglio la maggioranza (88%) indica una situazione di stabilità: c’è equilibrio tra chi vede i prezzi in diminuzione e chi in aumento (6%).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Caricabatteria auto: quanti tipi e quale scegliere

Sensore MAP motore auto: cos’è e come funziona

Batteria senza manutenzione e Bassa manutenzione: cosa cambia?