Salone di Ginevra 2018: arrivano le gomme Goodyear che mangiano lo smog

Goodyear presenta in anteprima mondiale le gomme vive che purificano l’aria al Salone di Ginevra 2018

Salone di Ginevra 2018: arrivano le gomme Goodyear che mangiano lo smog
L'innovazione e la sostenibilità degli pneumatici presentati al Salone di Ginevra 2018 rispecchia il tema della mobilità green che caratterizzata gran parte delle novità auto esposte al Salone Internazionale ginevrino e Goodyear non è da meno con una rivoluzionaria gomma sperimentale che assorbe lo smog della città. Si chiama Oxygene il concept di pneumatici Goodyear con una struttura di muschio vivo che cresce all'interno del fianco della gomma. Una visione futuristica che sfrutta la fotosintesi per ripulire l'aria quando in città ci muoveremo in modo più efficiente e solo a batterie che si potrà vedere da vicino all'imminente Salone di Ginevra 2018 che aprirà al pubblico dall'8 al 18 marzo.

PERCHE' UNA GOMMA CHE MANGIA SMOG?

L'idea di realizzare uno pneumatico Goodyear futuristico vivo oltre che intelligente racchiude diverse soluzioni eco sostenibili come la struttura non pneumatica stampata in 3D, la capacità di produrre energia, la comunicazione V2X e ultima ma non meno importante la produzione di ossigeno attraverso muschio vivo. "Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità - afferma Goodyear - oltre l'80% degli individui che vivono in aree urbane in cui viene monitorata la qualità dell'aria sono esposti a livelli di inquinamento che superano i limiti prescritti dall'OMS". E' ispirato ai principi dell'economia circolare che mirano a una riduzione degli scarti dei materiali, delle emissioni e della dispersione di energia, quindi bisogna immaginare il concept Goodyear Oxygene all'azione in uno scenario dove la maggiore quantità di CO2 prodotta sarà quella prodotta dagli organismi che lo abitano, compreso l'uomo (non bisogna infatti dimenticare che oggi gran parte delle fonti d'inquinamento nelle città non sono addebitabili solo alle auto o all'uomo, ne abbiamo parlato qui).

CON 10 MILIONI DI GOMME SI PULIREBBE PARIGI

"Si prevede che entro il 2050 più di due terzi della popolazione mondiale vivrà nelle città, pertanto la pressione sulle reti di trasporto nei contesti urbani aumenterà in modo significativo," dichiara Chris Delaney, Presidente di Goodyear EMEA. "Infrastrutture e trasporti più verdi e più intelligenti saranno fondamentali per affrontare le sfide più urgenti della mobilità e dello sviluppo urbano." Oxygene sfrutta l'umidità della strada che assorbe attraverso il battistrada permeabile e aspira CO2 dall'aria per tenere vivo il muschio all'interno del fianco, rilasciando ossigeno frutto della fotosintesi: niente di più semplice e ingegnoso. Ma quante gomme Goodyear Oxygene servirebbero per pulire l'aria? In una città dalle dimensioni simili all'area urbana di Parigi, con circa 2,5 milioni di auto, significherebbe generare quasi 3.000 tonnellate di ossigeno e assorbire più di 4.000 tonnellate di anidride carbonica all'anno. Il video qui sotto mostra in modo eloquente come funzionano e  utilizzate le Goodyear Oxygen.

SI ALIMENTA DA SOLO E AVVERTE I PEDONI DEI PERICOLI

La struttura delle gomme Goodyear Oxygene non-pneumatica è realizzata con stampa 3D, utilizzando polverino di gomma proveniente da pneumatici riciclati (leggi qui come si ottiene il polverino dagli pneumatici fuori uso). La struttura leggera - secondo Goodyear, sarà in grado di attutire gli urti, fornire una soluzione duratura, quindi esente da forature e con minimi interventi di manutenzione. Inoltre è realizzata per accumulare l'energia generata durante la fotosintesi per alimentare la sua elettronica integrata, compresi i sensori, l'unità di elaborazione e una striscia di luce che cambia colore, avvisando gli utenti della strada e i pedoni delle manovre. Resta aggiornato su tutte le novità del Salone di Ginevra 2018.

Pubblicato in Pneumatici Auto il 06 Marzo 2018 | Autore: Donato D'Ambrosi


Commenti

Cerca Crash Test Auto

Stai per acquistare un’auto? Controlla se è davvero sicura! Clicca e scopri