ZF acquista Wabco: l’accordo da 40 miliardi sulla guida assistita

Con l’acquisizione di Wabco, ZF allarga le sue competenze nei sistemi di guida assistita e semi autonoma per mezzi pesanti.

29 marzo 2019 - 20:03

Il fornitore automotive ZF punta sui veicoli commerciali. Il brand tedesco mette a segno l’acquisizione di Wabco per dare vita ad un fornitore globale di veicoli industriali. L’operazione si concluderà nel 2020 e formerà un big da 40 miliardi di euro di fatturato. Si tratta di una notizia che conferma l’interesse di ZF per il settore logistica. Quest’ultimo è dato in forte ascesa vista la crescita dell’ecommerce. ZF ha anche annunciato, nei mesi scorsi, di essere al lavoro per creare una flotta di veicoli connessi ed autonomi. E’ evidente che la trasformazione della mobilità non può che includere anche la logistica. Vediamo i dettagli di questa operazione miliardaria.

INVESTIMENTI AL CENTRO

ZF fornitore globale di servizi di mobilità per autovetture, veicoli commerciali e industriali punta dritto sulla logistica. Il gruppo tedesco ha fatto sapere di aver siglato un accordo definitivo per l’acquisizione di Wabco. L’operazione prevede un pagamento di 136,50$ per azione. Insieme, ZF e Wabco, formeranno un fornitore leader a livello globale di sistemi integrati per la mobilità dei veicoli commerciali e industriali. La nuova società avrà un fatturato di circa 40 miliardi di euro. Wabco si è affermato come sviluppatore di sistemi per il controllo della frenata e di tecnologie di sicurezza. L’efficienza e la connettività dei veicoli industriali come camion, autobus e rimorchi è sempre più importante. La logistica 2.0 si apre a soluzioni tech. Largo allora a sistemi frenanti integrati e per il controllo della stabilità, sospensioni pneumatiche, controlli per l’automazione della trasmissione.

MISSIONE COMMERCIALE

Il brand Wabco ha messo a segno un 2018 importante. Lo scorso anno ha generato ricavi per 3,3 miliardi di euro e occupa circa 16.000 dipendenti in 40 paesi (Leggi le cinture di sicurezza diventano attive e parlano al guidatore). Dal canto suo Wolf-Henning Scheider, Ceo di ZF ha commentato: “Crediamo che, insieme a Wabco, ZF possa dare forma al più importante fornitore globale di sistemi integrati per la tecnologia di veicoli commerciali e industriali”. Scheider ha aggiunto: “Significa per ZF aggiungere un segmento di business stabile e in crescita e consente alla nostra attuale divisione per i veicoli commerciali e industriali di ampliare la propria expertise nel controllo della dinamica veicolare”. Chiaro che nel medio periodo ZF vorrà offrire ai suoi clienti nuovi sistemi digitali per gestire in modo automatizzato mezzi e merci.

UNIRE LE FORZE

ZF intende accrescere le sue competenze per sfruttare da leader la futura domanda di veicoli commerciali e industriali autonomi e connessi (Leggi ZF investe in un centro di ricerca per la guida autonoma). Dal canto suo ZF si aspetta che le funzioni per la guida automatizzata saranno prima implementate nei veicoli commerciali e industriali. Questo perché si tratta di mezzi che operano in aree a bassa complessità e traffico. Parliamo ad esempio di siti aziendali, aeroporti e ambito agricolo. La combinazione di competenze tra le due aziende dovrebbe accelerare lo sviluppo delle tecnologie di guida autonoma. ZF è già un fornitore di riferimento nel campo delle tecnologie per lo sterzo e la trasmissione e punta quindi sul tech. Investire nella logistica permetterà a ZF di essere meno soggetta alle incertezze che stanno interessando il settore automotive.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

Dispositivi anti abbandono, solo 30 euro di bonus: è polemica

Le migliori 10 Marche di auto al mondo del 2019

T-red per la sicurezza? Ma con il tempo del giallo obbligatorio