Volvo pulisce il mare dai rifiuti: con il progetto LifeGate addio alla plastica

Ogni sentinella raccoglierà mezza tonnellata di plastica dai mari, così Volvo aderisce al progetto delle Nazioni Unite per ridurre l'inquinamento

19 settembre 2018 - 15:00

Nell'ambito della conferenza stampa tenutasi presso il Volvo Studio di Milano, Volvo Car Italia ha annunciato la collaborazione con LifeGate per il sostegno del progetto LifeGate PlasticLess, volto alla riduzione della plastica nei mari italiani. Il suddetto progetto prevede già la fase operativa, con l'installazione del primo dispositivo Seabin nel porto della località turistica di Marina di Varazze (SV). Questa iniziativa rientra nell'ottica internazionale di Volvo che sostiene la campagna Clean Seas delle Nazioni Unite, anche attraverso la Volvo Ocean Race.

COME FUNZIONA IL SEABIN Il dispositivo Seabin, come indica la stessa denominazione, rappresenta il cosiddetto “cestino del mare”, capace di raccogliere anche le microplastiche fino a due millimetri di spessore e le microfibre fino a 0,3 millimetri di lunghezza, elementi che giungono all'uomo attraverso la catena alimentare, perché ingerite dai pesci. LifeGate installerà, nell'ambito del progetto PlasticLess e grazie al sostegno di Volvo Car Italia, altri due dispositivi Seabin nei porti di Venezia Certosa Marina (VE) e Marina di Cattolica (RN), al fine di raccogliore ogni anno circa mezza tonnellata di rifiuti plastici in mare.

IMPEGNO GLOBALE CONTRO LA PLASTICA Oltre al sostegno ad iniziative per la raccolta dei rifiuti plastici marittimi, Volvo Cars ha deciso di eliminare la plastica monouso a livello globale nel 2019. A tal scopo, i prodotti alternativi biodegradabili in carta, pasta di legno e legno in uffici, mense ed eventi negli stabilimenti in Svezia, Belgio, Stati Uniti, Cina e Malesia consentiranno al costruttore scandinavo di eliminare oltre 140 tonnellate di rifiuti in plastica all'anno.

TUTTO PER LA SOSTENIBILITA' L'impegno di Volvo Cars contro la plastica riguarderà anche la produzione delle automobili, come dimostrato con la versione speciale della Volvo V90 Cross Country dotata di interni in Econyl, tessuto realizzato al 100% con nylon riciclato. Inoltre, il 2025 sarà per Volvo Cars non solo l'anno in cui prevede di vendere circa il 50% di auto elettriche, migliorando così la sostenibilità ambientale (a partire dall'anno prossimo con la commercializzazione delle sole versioni elettrificate), ma anche il momento in cui utilizzerà il 25% delle componenti in plastica con materiale riciclato.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo

Automobilisti senza cintura multa

Automobilisti senza cintura: una multa ogni cinque minuti

Furti auto: i 10 modelli più rubati al 2019