Volkswagen We: al via la trasformazione digitale

Volkswagen investirà oltre 3 miliardi di euro nella piattaforma di servizi digitali: si parte dal carshering We Share

24 agosto 2018 - 13:27

Volkswagen ha annunciato l'avvio della propria trasformazione digitale, da semplice costruttore di automobili a fornitore di servizi di mobilità con veicoli sempre più connessi. Tutto ciò farà parte del cosiddetto 'ecosistema' Volkswagen We, nuovo brand che identificherà la piattaforma di servizi digitali, in cui la Casa di Wolfsburg investirà ben 3,5 miliardi di euro fino al 2025, in nome della completa digitalizzazione. Il relativo piano strategico prevede il lancio del servizio di car sharingWe Share, nonché investimenti nel campo dei software.

IL DEBUTTO NEL CAR SHARING Dopo tanti tentennamenti, anche Volkswagen entrerà nel settore del car sharing con We Share, per competere direttamente con le connazionali BMW e Daimler (a cui fanno capo Mercedes-Benz e smart) che propongono i rispettivi servizi Drive Now e Car2Go. Il servizio We Share di Volkswagen partirà entro il secondo trimestre del 2019 a Berlino, con la flotta di 2.000 auto elettriche. Inizialmente saranno disponibili 1.500 esemplari di Volkswagen e-Golf(recentemente rinnovata) che, poco dopo, saranno affiancati da 500 unità della Volkswagen E-up!. Dopo la capitale tedesca, il servizio We Share sarà operativo anche in altre città europee con oltre un milione di abitanti. L'espansione è prevista non solo in Europa, ma anche negli Stati Uniti e in Canada, dove We Share sarà operativo dal 2020 con i primi modelli della gamma Volkswagen ID a propulsione elettrica (la cui introduzione è stata già annunciata due anni fa al Salone di Parigi).

L'IMPEGNO NEL CAMPO DEI SOFTWARE Nel piano della trasformazione digitale di Volkswagen sono previsti progetti di cooperazione e acquisizione nel settore software, al fine di sviluppare ulteriormente il sistema operativo automotive “VW.OS”. Inoltre, per tutti i servizi di Volkswagen We è stata messa a punto la piattaforma cloudODP, acronimo di One Digital Platform, per la connessione tra auto, cliente e servizi. In sintesi, Volkswagen mira a trasformare Volkswagen We in una specie di 'mega start-up', dato che sono stati fissati importanti obiettivi, quali l'acquisizione di 10 milioni di utenti ogni anno e profitti quantificati in un miliardo di euro all'anno a partire dal 2025.

PER LA DIFFUSIONE DI AUTO ELETTRICA E GUIDA AUTONOMA Con lo sviluppo di Volkswagen We, è molto chiara la strategia di Volkswagen per il futuro, dato che servizi come il car sharing saranno sempre più importanti per la diffusione di auto elettriche, proprio sfruttando il concetto che, oramai, ogni costruttore automobilistico è anche fornitore di servizi di mobilità. Inoltre, come evidenziato anche dagli investimenti di Waymo ed Uber, le piattaforma che connettono tra loro auto, clienti e servizi saranno fondamentali anche per l'introduzione della guida autonoma. In tal senso circola l'indiscrezione diffusa mercoledì scorso da Bloomberg News sull'interessamento di Volkswagen nei confronti del partner Aurora, società fondata da ex manager di Tesla ed Alphabet per lo sviluppo della specifica tecnologia per le auto a guida autonoma.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno