Volkswagen investe 122 milioni di dollari nelle auto connesse di Volvo

Funzioni attivabili su richiesta e pagamenti digitali, le prossime novità del Volkswagen che ha comprato un pezzo di Volvo WirelessCa

20 dicembre 2018 - 17:00

Volkswagen punta ad accellerare la concretizzazione delle novità annunciate per la sua gamma. A partire dall'anno prossimo saranno sul mercato le nuove elettriche della gamma ID è in arrivo anche la nuova piattaforma dedicato alle auto connesse in rete. In questa direzione VW mette in campo un investimento importnate per acquistare lo specialista della telematica “WirelessCar”. L'azienda svedese è attualmente controllata da Volvo ed il Gruppo Volkswagen ne sta acquisendo una quota del 75,1%. L'obiettivo è fare tesoro del know-how acquisito negli anni dalla piattaforma nata nel 1999. In questo modo il colosso dell'auto tedesca potrà avviare la sua offerta di servizi digitali per i propri clienti. Vediamo i dettagli.

VERSO L'AUTO CONNESSA Volkswagen sta acquisendo la partecipazione di maggioranza dello specialista della telematica svedese “WirelessCar” al fine di compiere più rapidi progressi nello sviluppo della connettività per la sua flotta. Nel dettaglio VW sta acquisendo una quota del 75,1% in WirelessCar attualmente controllata da Volvo. Il completamento dell'operazione, di cui non sono stati resi noti i dettagli finanziari, è previsto nella prima metà del 2019 e dovrà essere approvato delle autorità antitrust europee. WirelessCar, con sede a Göteborg in Svezia, è stata fondata nel 1999 ed è intermamente controllata da Volvo dal lontano 2007. Per l'azienda lavorano 370 esperti di IT in tutto il mondo ed è grazie a loro che è riuscita a sviluppare una propria piattaforma tecnologica automotive che include servizi digitali a tutto campo, dal concierge alla fatturazione (Leggi auto connessa ed impronte digitali al CES 2019).

ECOSISTEMA DIGITALE Attualmente in tutto il mondo sono circa 3,5 milioni i veicoli, di varie case automobilistiche, sono collegati tramite questa piattaforma. Volkswagen utilizzerà la tecnologia dedidicata all'auto connessa di WirelessCar per guidare lo sviluppo del suo “ecosistema digitale” aperto a tutti i partner tecnologici del gruppo. L'obiettivo è fornire una connettività completa nelle future generazioni di veicoli e sviluppare servizi per i clienti accessibili tramite il Volkswagen Automotive Cloud. WirelessCar si unisce, quindi, a Microsoft e Diconium come terzo principale partner tecnologico coinvolto nel progetto. Volkswagen sta sviluppando la sua piattaforma cloud personalizzabile e la tecnologia WirelessCar consentirà uno scambio di dati sicuro e stabile tra il sistema operativo del veicolo su strada e la piattaforma basata su cloud e costituirà una base essenziale per la futura architettura software del veicolo.

PUNTARE ALL'ECCELLENZA “Il nostro obiettivo è quello di trasformare Volkswagen in un fornitore di mobilità con una flotta completamente connessa”, ha affermato Christoph Hartung, Responsabile Digital & New Business di VW aggiungendo che “I nostri clienti saranno in grado di utilizzare i servizi a valore aggiunto digitale nelle loro auto o sui loro dispositivi mobili in ogni momento. Stiamo accellerando con questo sviluppo e abbiamo acquisito WirelessCar come terzo principale partner. Ora stiamo davvero procedendo spediti e concentrandoci sull'integrazione delle tecnologie “(Leggi i dettagli su guida autonoma ed auto connessa). Insomma trapela un certo ottimismo che è anche condiviso in casa WirelessCar il cui Ceo, Martin Rosell, CEO di WirelessCar, ha dichiarato: “Volkswagen è il nostro partner ideale per la fase successiva del nostro sviluppo. Volkswagen ha la più ambiziosa strategia futura per la connettività nel settore automobilistico. Questa aspirazione è la combinazione perfetta per la nostra visione di guidare l'industria automobilistica nella società digitale”. Insomma la piattaforma cloud è pronta a svolgere un ruolo a tutto campo per guidare la trasformazione del business di casa VW.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Guardrail intelligenti: Geronimo allerta i soccorsi in caso di incidente

ADAS obbligatori dal 2022: ecco l’accordo dell’unione europea

Nvidia accusata di plagio: il sistema Mobileye che prevede gli automobilisti