Auto connesse e impronte digitali, la sicurezza della mobilità al CES 2019

Telecamere al posto dei retrovisori e smartphone per avviare il motore, Bosch ci dà un'anticipazione di come cambierà il modo di guidare l'auto

18 dicembre 2018 - 13:16

Il Consumer Electronic Show 2019 è imminente e Bosch ha dato alcune anticipazioni sulle innovazioni legate all'urbanizzazione, la crescita demografica e il cambiamento climatico. Le domande su come la guida autonoma risolverà i problemi del traffico intermodale, sulla sicurezza delle auto ormai prive di chiavi meccaniche e l'efficienza dei veicoli trovano risposta nei prototipi Bosch che si potranno vedere e provare da vicino a Las Vegas.

UNA PIATTAFORMA PER TUTTE LE AUTO CONNESSSE Tra le principali innovazioni che Bosch porterà al CES 2019 l'attenzione si accenderà sicuramente sul concept shuttle elettrico a guida autonoma completo di servizi integrati che si potrà provare all'interno della fiera. Il sistema anticipa la strategia di Bosch come fornitore di hardware, software e nuovi servizi digitali per prenotare i veicoli, pagare le corse o condividerle con altri passeggeri. Come comunicheranno tante auto connesse di Costruttori diversi? Nella stessa lingua! O meglio con una stessa piattaforma come quella sviluppata da Bosch per le auto con tecnologia V2X. Consente ai veicoli di comunicare tra loro e con l'infrastruttura stradale, indipendentemente dal paese o dal produttore del veicolo. Il software, prodotto dalla start-up portoghese Veniam, gestisce la complessa attività di organizzazione della connessione dei dati. La centralina cerca la migliore tecnologia di trasmissione in base alle esigenze specifiche e passa automaticamente da un'alternativa all'altra tra quelle disponibili.

TELECAMERE AL POSTO DEI RETROVISORI Le telecamere digitali sostituiranno sempre di più i retrovisori esterni come sul nuovo Mercedes-Benz Actros che è il primo autocarro in produzione ad usare un sistema di telecamere invece dei tradizionali specchietti retrovisori normali e grandangolari. Si basa sul sistema Mirror Cam che copre una migliore visione a 360 gradi. Oltre ad aumentare la sicurezza, l'uso delle telecamere digitali al posto degli specchietti migliora i consumi di carburante poiché non ci saranno appendici che disturbano l'aerodinamica. Bosch spiega che due telecamere, installate a destra e a sinistra sul tetto della cabina conducente, inviano immagini in tempo reale a due display da 15 pollici ad alta risoluzione, posizionati sui montanti all'interno della cabina. Il sistema regola la visualizzazione sul monitor in base alla situazione di guida.

LO SMARTPHONE CONTIENE L'ACCESSO ALLE AUTO Al CES di Las Vegas 2018 Bosch lancerà il sistema di accesso Perfectly Keyless che consentirà a breve agli automobilisti, agli operatori di flotte per il car-sharing e alle società di servizi di logistica di gestire le chiavi del veicolo con la tecnologia digitale. SI utilizzerà l'onnipresente smartphone per decidere in qualsiasi momento chi può accedere alle automobili o agli autocarri e quando. Secondo Bosch la genialità di questo sistema è che la connessione tra smartphone e auto poiché Perfectly Keyless è in grado di rilevare lo smartphone autorizzato con la precisione con cui si riconosce un'impronta digitale. Il sistema Perfectly Keyless si potrà vedere in azione al CES 2019 a bordo di un prototipo basato sulla coupé Ford Mustang.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Grattino scaduto

Grattino scaduto: la multa è sempre legittima?

USA: regole meno dure sulla CO2 per vendere auto più sicure

Coronavirus e Case auto: già a rischio 1,1 milioni di posti di lavoro in EU