UK: arrivano le prime strade connesse per i test delle auto driverless

L'ambizioso progetto da 150 milioni di sterline dà una spinta alla guida autonoma in vista dei test in strada in programma in Inghilterra a fine anno

12 aprile 2016 - 9:02

Il governo britannico ha cominciato a prendere seriamente in considerazione l'idea di investire ingenti quantitativi di denaro in ricerca e sviluppo finalizzati alla guida autonoma. L'ultimo annuncio dell'amministratore delegato di Autostrade Inglesi spiega come verranno investiti 150 milioni di sterline per creare strade connesse.

IL PROGETTO Il governo britannico, ha dichiarato l'AD di Highways England Jim O'Sullivan, è intenzionato a finanziare lo sviluppo di strade con tecnologia wi-fi per essere connesse con tutti i veicoli in transito. L'investimento complessivo avrà un budget di 150 milioni di sterline e sarà in parte destinato anche a realizzare un innovativo sistema di semafori intelligenti, in aggiunta ad una rete di sensori in grado di monitorare costantemente lo stato delle infrastrutture. Quest'ultimo provvedimento è particolarmente interessante poiché porterebbe sia ad allungare la vita operativa del manto stradale stesso sia a permettere una manutenzione schedulata in modo più efficiente, che farebbe beneficiare di risparmi in termini economici e temporali.

A COSA SERVONO Lo scopo ultimo di questo upgrade stradale è (quasi del) tutto votato a favorire lo sviluppo di auto a guida autonoma, e partirà con il coinvolgimento di speciali veicoli in transito sulla strada A2/M2 tra Londra ed il Kent. Dopo l'intesa tra il governo UK e Google in merito alla possibilità di eseguire test di guida autonoma sulla rete stradale (leggi qui gli accordi tra Google e Inghilterra sulla guida autonoma), e dopo aver preventivato l'utilizzo di autobus senza conducente a partire dal 2017 (leggi qui i dettagli sugli autobus che si guidano da soli), questo è un ulteriore passo verso la possibilità di avere strade più sicure ed affidabili. Per non lasciare nulla al caso, poi, il parallelo sviluppo di una nuova rete di semafori punterà a gestire meglio il traffico ed evitare inutili ingorghi, così come testare la tecnologia radar sulle strade (e quella acustica all'interno tunnel Hindhead, nel Surrey) potrebbe segnalare in tempo reale eventuali veicoli in panne ad una centrale operativa.

IL NUOVO CENTRO DI SVILUPPO ED INNOVAZIONE Per supportare sia la mole di test che di dati da analizzare è in programma la creazione di un centro di sviluppo ed innovazione dedicato al progetto: questo importante passo verso il dialogo e lo scambio di informazioni tra veicoli ed infrastrutture avrà una sede operativa diretta per permettere di smaltire le tempistiche di sviluppo ed il coordinamento degli addetti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Strisce blu Milano

Strisce blu Milano 2021: orari, tariffe e norme

Prezzi carburante: come trovare quelli più convenienti

Pressione gomme auto: come cambia quando fa caldo