TomTom lancia Route Monitoring i servizi Smart per le città connesse

Il suo nuovo servizio TomTom dedicato al traffico aiuta a connettere le smart cities ai cittadini, ecco i dettagli in anteprima

15 novembre 2017 - 13:19

Un navigatore satellitare che non sappia aggirare gli ostacoli che si presentano lungo il tragitto è fondamentalmente una cartina elettronica, niente che sappia rispondere alle dinamiche sempre più variabili della viabilità e delle grandi metropoli. E' per questo che  TomTom ha annunciato il lancio di TomTom Route Monitoring, la soluzione progettata per rispondere alle sfide poste dalla crescente congestione stradale che affligge le Smart City di tutto il mondo. TomTom Route Monitoring è un servizio che aiuta le autorità preposte al traffico, i responsabili di eventi e chi controlla i servizi di emergenza, a monitorare i tempi di percorrenza e i ritardi – non appena questi si verificano – sui percorsi di interesse e a segnalare ai cittadini i rallentamenti e i percorsi alternativi attraverso smartphone, sistemi in-car e segnaletica stradale. Vediamo come TomTom Route Monitoring al debutto ufficiale presso lo Smart City Expo World Congress di Barcellona.

INFORMA GLI ATTORI DELLA MOBILITA' TomTom Route Monitoring è disponibile sul portale per gli sviluppatori TomTom Maps API, anch'esso annunciato di recente e secondo Ralf-Peter Schäfer, VP Traffic and Travel, TomTom “la tecnologia di localizzazione e di monitoraggio del traffico rappresenta un requisito fondamentale per le città intelligenti”. “È importante che le città sappiano dove si concentra il traffico e dove si verificano ritardi – ma è altrettanto importante che queste informazioni vengano poi comunicate ai cittadini. Questo è l'obiettivo con cui abbiamo sviluppato TomTom Route Monitoring – per connettere le smart city ai cittadini e contribuire in modo significativo allo sviluppo di città più green, meno congestionate, più sicure e vivibili”.

LA META' DEL VIAGGIO LO PASSIAMO NEL TRAFFICO Secondo il recente rapporto TomTom Traffic Index 2017, gli automobilisti di Città del Messico passano in media il 66% di tempo in più imbottigliati nel traffico, a Londra il 40% e a Barcellona circa il 31%. Le città investono in costosi sensori in grado di raccogliere informazioni sul traffico, ma per diventare a tutti gli effetti città intelligenti è necessario che queste informazioni vengano comunicate agli utenti. Questi ultimi collezionano costantemente informazioni sulla rete stradale, ma non dispongono di strumenti per condividerle con la città. Vedi qui la mappa delle città più congestionate del rapporto TomTom Traffic Index.

LA FORZA DEL DATA-SHARING Grazie alla sua avanzata suite di prodotti per il traffico, TomTom sta offrendo il suo contributo per collegare le città alle persone, raccogliendo dati sulla velocità da milioni di veicoli e consentendo alle autorità cittadine, ai responsabili di eventi e al personale di emergenza di comunicare in tempo reale le condizioni del traffico agli automobilisti. Non perderti le ultime novità e i test sui navigatori satellitari TomTom.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno