Test di guida autonoma in Cina: Volvo mette alla prova gli automobilisti

Gente comune alla guida di 100 Volvo in Cina: presto potrebbe diventare realtà

7 aprile 2016 - 13:12

Volvo comincia a volgere lo sguardo alla Cina per perfezionare la propria tecnologia di guida autonoma, cercando le autorizzazioni necessarie a condurre delle prove su strada in condizioni di traffico reali e con automobilisti comuni. Ancora non è definito però quale città accoglierà l'iniziativa.

I PRESUPPOSTI PER I TEST La Cina pare essere uno dei mercati mondiali meglio inclini all'introduzione della guida autonoma, tanto che il Boston Consulting Group ha previsto il paese del sol levante come il primo mercato, per utilizzo di questa tecnologia, tra 15 anni. In un contesto nel quale ad Hong Kong è stato disattivato il sistema Autopilot sulle Tesla (leggi qui perché il governo cinese non permette alle Tesla di guidarsi da sole), ed il motore di ricerca Baidu sfida i progressi messi in campo da Google (leggi della BMW di Baidu che guida da sola), il costruttore svedese Volvo punta ad avviare un progetto di sviluppo avanzato del proprio sistema di guida autonoma, che porterebbe all'acquisizione di dati di guida derivanti da 100 prototipi utilizzati su strada.

100 AUTO, MA DOVE? Nonostante il governo cinese veda di buon occhio la guida autonoma Volvo ancora non ha trovato la giusta cittadina nella quale avviare questa campagna di guida autonoma. Il Costruttore non sa quindi quando verranno lasciate girare le 100 auto in programma, ma ha spiegato che per la fase iniziale sarà prevista solo la circolazione su arterie a scorrimento veloce. Le auto verranno affidate a delle persone comuni per replicare fedelmente un possibile utilizzo nella quotidianità, ma chiaro è che degli esperti collaudatori dovrebbero essere presenti a bordo di ogni vettura, così da “tirare le redini” qualora dovessero esserci problemi durante l'utilizzo, mentre la popolazione potrà cominciare ad interiorizzare la possibilità di condividere la strada con auto che si guidano da sole: per Volvo è oro colato la possibilità di provare la propria tecnologia su strade aperte al pubblico ed in condizioni di normalità, poiché su nessuna pista sarebbero ben riprodotte le innumerevoli variabili che qualsiasi auto riscontra ogni giorno su strada.

AVVICINARE LE AUTO AI CLIENTI Il fatto stesso di chiedere a gente comune di fare da tester è un passo avanti molto particolare nel campo dello sviluppo della guida autonoma, poiché implicherebbe non solo rischi e responsabilità diversi per la Casa ma anche la possibilità di avere un feedback diretto sul gradimento. I potenziali clienti attualmente vedono la guida autonoma come una tecnologia allo stato embrionale di sviluppo, status che verrebbe abolito qualora l'iniziativa di Volvo dovesse trovare gli accordi giusti per funzionare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ztl a Milano mappa regole orari

Ztl a Milano: mappa, regole e orari

Fumare in macchina in Italia

Fumare in macchina in Italia: legge, divieti, sanzioni

Misure anti smog 2020 Barcellona

Misure anti smog 2020: Barcellona bandisce 50 mila veicoli