Strade Sicure 2018: l'UE premia i 5 Paesi più bravi

Tecnologie, associazioni e campagne dedicate alla sicurezza stradale: l'Unione Europea assegna i premi "Safety Road? a cinque Paesi membri

30 luglio 2018 - 12:49

L'Unione Europea mostra come sempre la sua attenzione verso la sicurezza delle strade e incentiva a fare sempre meglio assegnando lodevoli riconoscimenti ai Paesi che si impegnano a proteggere gli automobilisti. Lo scorso giugno la Commissione Europea ha riunito a Bruxelles organizzazioni non governative, autorità pubbliche e private per consegnare i sei premi “Excellence in Road Safety 2018”. Le riconoscenze vanno alle iniziative più innovative e ispiratrici, sei organizzazioni di Slovenia, Francia, Regno Unito, Spagna e Ungheria sono state premiate per il loro grande contributo al miglioramento della sicurezza stradale in Europa.

UN IMPEGNO COMUNE I premi Excellence in Road Safety vengono assegnati ogni anno dal 2006 e rientrano nell'ambito della Carta europea della sicurezza stradale, nata due anni prima come piattaforma della società a cui hanno aderito enti pubblici e privati. Nuove misure o tecnologie lanciate da questi ultimi in una determinata area, secondo la Commissione, contribuiscono al raggiungimento dell'obiettivo Zero vittime nel 2050 previsto dal programma Europe on the Move (scopri qui di cosa si tratta). In altre parole l'impegno deve essere di tutti, come precisa anche il commissario per i trasporti Violeta Bulc: “La sicurezza stradale è una responsabilità condivisa, richiede stretta collaborazione tra enti nazionali e locali, e è necessario che società civile e industria lavorino insieme per rendere sicure le nostre strade, i veicoli e gli utenti”. È l'essenza dei riconoscimenti assegnati in base a cinque categorie: Associazioni, Piccole e medie imprese, Grandi imprese, Autorità (nazionali, regionali e locali) e Università/Istituti di ricerca, a cui si aggiunge lo speciale premio Jacques Barrot.

ASSOCIAZIONI In quest'ambito il premio è andato a due associazioni operanti in Francia e Slovienia. Vozim è organizzazione no-profit slovena che punta a sensibilizzare le persone sulle conseguenze degli incidenti stradali (guarda qui gli ultimi preoccupanti dati). A farle ottenere il riconoscimento è stata la campagna “Heroes drive in pyjamas” contro la guida spericolata dei giovani, premiata per il suo approccio innovativo che ha saputo coinvolgere città, autorità, il settore privato e le famiglie. Sempre a Vozim assegnato il premio Jacquest Barrot dedicato all'omonimo ex commissario per i trasporti e consegnato direttamente dal pubblico presente alla cerimonia. Nella stessa categoria ha ottenuto un riconoscimento l'associazione francese Prévention Routièr, impegnata nel lancio di iniziative per ridurre la frequenza e le conseguenze degli incidenti. Il merito è stato dell suo marchio “Ville Prudente”, letteralmente Città sicura, che da novembre 2017 aiuta le autorità locali a individuare i problemi di sicurezza stradale e le relative soluzioni.

PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE Nella categoria “Piccole e medie imprese” vince il software creato dalla Community Speed Watch, organizzazione di volontari supportata dalle forze di polizia impegnata a contrastare gli eccessi di velocità (sai che è stato attivato il nuovo Tutor? Ecco dove). La piattaforma online creata dalla Community Speed Watch è stata pensata per modernizzare le attività di monitoraggio della velocità con nuovi standard; ma ancor più importante del premio è che il fatto che la Comunità Europea ritenga le tecnologie inglesi talmente efficaci da poter essere adottate in altri Paesi. Tra le “Grandi imprese” il premio va alla spagnola Aigua De Rigat SA che si occupa della distribuzione dell'acqua in Catalogna. L'UE ha rilevato che la società è riuscita a rendere le strade più sicure rispettando il piano di prevenzione dei rischi sul lavoro, con un sistema di gestione del traffico che rispecchia la norma ISO 39001 (qui puoi trovarne tutti i dettagli) esportato anche in altre aziende appartenenti al gruppo spagnolo.

AUTORITÀ E ISTITUTI Un'altra spagnola ha ottenuto l' Excellence in Road Safety 2018, stavolta nella categoria “Autorità locali, regionali e nazionali”. Qui ha vinto il Municipio di Naròn, città del nord-ovest della Spagna da quasi 40.000 abitanti, premiata per essersi assunta la responsabilità per la sicurezza dei bambini con un programma sperimentale sviluppato con l'intera comunità locale in maniera innovativa. In Ungheria invece il riconoscimento per le “Università e gli istituiti di ricerca”, nello specifico al KTI Institute for Transport Sciences, attivo senza scopo di lucro nei campi della protezione ambientale, del trasporto dell'energia e dell'applicazione di tecnologie intelligenti. Premiato per il suo approccio educativo-scientifico il programma “Scuola su Due Ruote”, nato dalla collaborazione con Honda Safety Hungary e sviluppato sui principi del progetto nazionale “Life on the Road”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida con occhiali: i consigli per farlo in sicurezza

Multe autovelox Ciampino

Multe autovelox: annullate 42 mila sanzioni a Ciampino?

10 errori da non fare con il noleggio auto