Sostituzione serbatoio GPL: una stangata memorabile

La burocrazia colpisce duro, alla faccia del risparmio

10 luglio 2013 - 12:30

Avete una vettura dotata di impianto GPL e credete di aver fatto la scelta migliore per ridurre i costi di esercizio? Come è noto, spesso la realtà riserva invece amare sorprese poichè i problemi e i costosi guasti connessi al funzionamento a GPL su molte auto moderne, sono ben lungi dall'essere risolti, come più volte segnalato dagli utenti (anche tramite programmi in TV) e sottolineato nei nostri articoli. Se poi pensate di tenervi l'auto oltre i 10 anni dall'installazione dell'impianto, oppure avete in mente di acquistare un buon usato bi-fuel, preparatevi ad una mazzata forse ignorata o sottovalutata, sicuramente minimizzata dagli addetti ai lavori, per ovvi motivi.

SOSTITUZIONE SERBATOI GPL DOPO 10 ANNI – Ebbene, secondo la legge, i serbatoi GPL installati su un autoveicolo (ed anche quelli del metano), hanno una scadenza naturale: dopo 10 anni quelli per il GPL devono essere sostituiti e l'operazione è soggetta a collaudo presso l'Ispettorato Motorizzazione. Non è scontato che il resto dell'impianto resti invariato in quanto, a distanza di 10 anni, possono sorgere problemi di incompatibilità tra i vari componenti e il nuovo serbatoio con la nuova multivalvola. L'installatore deve presentare la seguente documentazione:

 

    • Domanda redatta su modello TT2119 compilato dal proprietario del veicolo;
    • Dichiarazione di installazione a norma rilasciata dall'installatore autorizzato MCTC
    • Documentazione tecnica del nuovo serbatoio GPL (non necessaria per il metano)
    • Attestazione dei versamenti di legge effettuati: euro 25,00 su cc 9001; euro 29,24 su cc 4028

       

      Nel caso venissero sostituiti, oltre al serbatoio, altri componenti dell'impianto, è necessario eseguire nuovamente la prova idraulica come se si trattasse di una prima installazione.

      MA L'ITALIA… NON E' UNA NAZIONE EUROPEA? Le bombole di metano hanno validità 5 anni se di costruzione nazionale e 4 anni se di costruzione europea (?!). (L'Italia non è una nazione Europea?).

      UN MESE LA CARTA DI CIRCOLAZIONE DELL'AUTO Ma non è mica finita: quelle suindicate sono le tasse che vanno direttamente allo Stato. Poi è evidente che l'installatore dovrà sottoporre al collaudo il nuovo serbatoio già montato sul veicolo, previo appuntamento, presso le sedi competenti della Motorizzazione, armarsi di tanta pazienza, mettersi in fila e impegnare almeno una mezza giornata, sperando che tutto fili liscio. Tutto ciò ha ovviamente un costo più o meno standardizzato (abbiamo contattato vari installatori), che si aggira su Roma intorno ai 100 euro, da sommare ovviamente ai 54,24 di tasse fisse. Superato il collaudo, la ciliegina sulla torta dell'iter burocratico: il ritiro della carta di circolazione dell'auto (?!) che dovrà essere sostituita, dopo un'attesa di circa 1 mese, da un duplicato. In tale attesa, viene rilasciato un permesso provvisorio di circolazione. E' incredibile che per la sola sostituzione decennale del serbatoio GPL (operazione programmata da normativa), sia previsto il ritiro della carta di circolazione, mentre tale procedura non sia contemplata all'atto del montaggio di un intero impianto GPL (basta l'annotazione sulla carta di circolazione). Era forse complicato prevedere la stessa prassi?

      I COSTI REALI DELL'INTERVENTO DI SOSTITUZIONE Fin qui gli aspetti, le contraddizioni, i costi e i disagi di natura burocratica. Veniamo ora ai costi reali dell'intervento di sostituzione. I prezzi dei serbatoi GPL variano da un minimo di circa 180-200 euro ad un max di 500 a secondo dei tipi. A questa cifra va aggiunta la mano d'opera e il costo eventuale di altri componenti (multivalvola, tubi, ecc.), nel caso quelli pre-esistenti fossero incompatibili con il nuovo serbatoio. Il costo minimo dell'intervento risulta quindi di 500-550 euro, comprese le suddette tasse. In tal caso ci si può ritenere fortunati. Addirittura alcuni impiantisti, con spiccato senso degli affari, propongono ai malcapitati la sostituzione dell'intero impianto con ulteriore aggravio di spesa. Come se non bastasse, qualche impiantista, a microfoni spenti, confessa che tale sostituzione, alla luce degli attuali standard costruttivi, appare discutibile, per non dire inutile. A questo punto le domande che sorgono spontanee sono diverse:

       

          • vale realmente la pena utilizzare una vettura con impianto GPL ai fini del risparmio?
          • quanti Km avremmo potuto fare in più con le centinaia di euro spesi, usando solo benzina o gasolio?
          • non sarebbe il caso, da parte degli enti preposti, di rivedere tali procedure e renderle più snelle e meno penalizzanti per l'utente?

              72 commenti

              maciej.wisniewsk_15019783
              23:06, 24 settembre 2020

              Ciao ragazzi. In Polonia, abbiamo il maggior numero di auto a GPL dell’intera Unione europea. Come sempre, abbiamo seguito soluzioni tecniche e legali italiane. La maggior parte dei serbatoi GPL nell’UE sono di produzione polacca: Stako, Bormech, Polmocon, Irene, ecc. In Polonia, proprio come in Italia, il serbatoio GPL deve essere testato o sostituito. Il tempo totale di utilizzo del serbatoio GPL non può essere superiore a 20 anni. In Polonia, a condizione che i serbatoi siano testati da aziende con le qualifiche di “Supervisione tecnica dei trasporti”, qualsiasi azienda di GPL può sostituire l’autocisterna con una nuova. Il nuovo serbatoio deve essere approvato e “approvato dall’ispezione tecnica di trasporto”. Nessuno in Polonia è interessato al kro per montare il carro armato, e se è lo stesso di quello che era prima.

              roberto
              12:00, 11 luglio 2013

              buongiorno , sig pellegrini
              dopo aver letto il suo interessante articolo, vorrei informarla , su alcuni punti , non corrispondenti al mercato.
              il costo medio per la sostituzione decennale del serbatoio gpl , e' di circa 400 euro, incluso il collaudo presso la mctc, che gli installatori, provvedono a espletare direttamente dal proprio personale, non richiedendo quindi mezza giornata da parte dell utente, come da lei scritto.
              La sostituzione della carta di circolazione, vien proposta solo se deteriorata, altrimenti la mctc stampa un etichetta da apporre sul libretto.
              Non e' possibile variare nessun componente dell impianto , in quanto la parte anteriore deve rimaner quella della prima installazione, o sostituirla con il medesimo componente.
              in virtu di queste precisazioni, credo che il gpl per costi di gestione , e per inquinamento, sia ad oggi il carburante, piu ' appetibile e sicuramente il meno inquinante.
              a disposizione per ulterirori chiarimenti.

              Bruno
              18:18, 12 luglio 2013

              Egr.Sig. Michele,
              per quanto riguarda la revisione delle bombole del metano, ci siamo limitati a riportare testualmente le disposizioni del Ministero dei Traporti, da noi riportate testualmente sopra.
              Come noterà, si fa solo la distinzione tra bombole di costruzione nazionale oppure europea.
              Comunque, come si evince facilmente, il nostro articolo riguarda essenzialmente gli aspetti e i costi connessi alla sostituzione dei serbatoi GPL.
              Per completezza di informazione, è doveroso precisare che le bombole di metano sostituite in sede di revisione, sono spesso di rotazione (quindi usate), come ci riferiscono un paio di impiantisti da noi interpellati.

              Busi
              22:57, 20 ottobre 2013

              Ma scusate, andando oltre il discorso dei costi, non pensate che andare a GPL possa essere più utile all'aria che respiriamo ?
              Inoltre io abito vicino al centro della mia città e grazie al GPL non devo preoccuparmi delle fastitiose ed inutili targhe alterne, non é che il sig. Pellegrini è propietario di un distributore privo di tale carburante ?
              Saluti da uno che non condivide affatto ció che lei ha scritto.

              Nicola
              15:52, 15 novembre 2013

              sono stato quest'oggi per verificare il mio impianto ormai scaduto, il costo di una revisione gpl con sostituzione di bombola toroidale da 46litri e collaudo c/o il p.v stesso è di ? 350 per la provincia di reggio calabria.

              POTRESTI ESSERTI PERSO:

              Sciopero 2 dicembre 2022 treni, metro e bus: gli orari

              Ansia alla guida: perché mettersi al volante può spaventare?

              Fringe benefit 2022 tabelle ACI

              Auto aziendale: chi può scaricare l’Iva?