Sosta in corsia d'emergenza: solo per 3 ore

Sosta in corsia d'emergenza: solo per 3 ore Lo conferma la Cassazione: la corsia d'emergenza va usata per il tempo minimo indispensabile

Lo conferma la Cassazione: la corsia d'emergenza va usata per il tempo minimo indispensabile

24 Luglio 2013 - 07:07

La Cassazione (sezione sesta civile) con ordinanza 16953 del 10 maggio 2013, resa nota l'8 luglio, ribadisce che la corsia d'emergenza va usata per il tempo minimo indispensabile.

TERZA SCONFITTA – La controversia nasce nel 2007, quando un autotrasportatore viene multato per aver circolato in corsia d'emergenza senza una valida ragione: la Polizia stradale di Alessandria/Casale Sud gli contesta la violazione dell'articolo 176 del Codice della strada. L'anno dopo, il Giudice di pace di Vercelli rigetta l'opposizione proposta dall'uomo (più che altro, per presunti vizi di firma della contravvenzione); e nel 2011, Il Tribunale di Vercelli rigetta l'appello del sanzionato. In Cassazione, l'uomo perde per la terza volta: la Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese del giudizio di cassazione sostenute dalle amministrazioni controricorrenti, liquidate in 1.100 euro. Gli ermellini negano che il verbale contenga vizi di forma, e confermano quanto dice il Codice della strada: l'autotrasportatore “avrebbe potuto sostare fino ad un massimo di tre ore, segnalare la presenza del veicolo in avaria con gli strumenti prescritti e, non essendo in grado di porre rimedio all'avaria da se medesimo, chiamare il soccorso stradale”.

COSA DICE LA LEGGE – Recita il Codice che sulle carreggiate, sulle rampe e sugli svincoli è vietato sostare o solo fermarsi, fuorché in situazioni d'emergenza dovute a malessere degli occupanti del veicolo o ad inefficienza del veicolo medesimo; in tali casi, il veicolo deve essere portato nel più breve tempo possibile sulla corsia per la sosta di emergenza o, mancando questa, sulla prima piazzola nel senso di marcia, evitando comunque qualsiasi ingombro delle corsie di scorrimento. La sosta d'emergenza non deve eccedere il tempo strettamente necessario per superare l'emergenza stessa e non deve, comunque, protrarsi oltre le tre ore. Decorso tale termine il veicolo può essere rimosso coattivamente.

C'È UN'ECCEZIONE – In caso di ingorgo, è consentito transitare sulla corsia per la sosta di emergenza al solo fine di uscire dall'autostrada a partire dal cartello di preavviso di uscita posto a cinquecento metri dallo svincolo. Comunque, durante la sosta e la fermata di notte, in caso di visibilità limitata, devono sempre essere tenute accese le luci di posizione (senza dimenticare l'uso del triangolo d'emergenza, quando necessario). Prezioso anche la parte del video in cui si parla del gilet riflettente. Occhio, perché i pericoli sono elevatissimi, come testimoniano numerosi incidenti drammatici, con impatti devastanti.

Commenta con la tua opinione

X