Skoda testa "guida? autonoma e mappe 3D nelle fabbriche [VIDEO]

Un drone sorvola la fabbrica Skoda da alcuni mesi e si assicura che nel magazzino ci sia tutto quello che serve a produrre le auto

29 ottobre 2018 - 19:32

L'industria automobilistica accellera la trasformazione digitale. In un momento di grande trasformazione per il comparto automotive la sfida è portare quante più innovazioni possibili anche nella fasse progettuale e di realizzazione dei nuovi modelli. Nel dettaglio Skoda presenta il suo piano di industria 4.0 pensato per il suo stabilimento di Mlada Boleslav in Repubblica Ceca. Proseguono i test di uno speciale drone che dovrà individuare e catalogare i plichi presenti all'esterno del sito produttivo. Tutti i dati saranno immediatamente inoltrati alla centrale operativa del comparto logistico. Si tratta di un passo importante verso la crescente automazione dei processi produttivi che il brand intende assolutamente perseguire.

SKODA PUNTA SUL DRONE Skoda è al lavoro per una piena implementazione delle tecnologie che fanno capo ai principi dell'Industria 4.0. Presso lo stabilimento di Mlada Boleslav, in Repubblica Ceca, il produttore automobilistico controllato da Volkswagen sta attualmente testando un prototipo di drone in grado di identificare e numerare i contenitori presenti fuori dalla fabbrica. I droni sono sempre più parte del settore dell'auto c'è anche chi li immagina diventare parte delle auto aprendo alla mobilità aerea (Leggi il sogno della macchina volante). Il drone Skoda è frutto della attiva collaborazione tra il dipartimento logistico del marchio e la società ceca Robodrone.L'obiettivo è l'implementazione di “inventari dronassistiti” che possano semplificare in futuro i processi produttivi.

AUTOMAZIONE DEI PROCESSI Michael Oeljeklaus, membro del consiglio di amministrazione di Skoda ha sottolineato: “Stiamo lavorando costantemente per migliorare l'efficienza dei nostri processi di produzione quotidiani e rendere il lavoro più semplice per i nostri dipendenti. I droni aiutano e accelerano il processo di valutazione. Come pilastro fondamentale della nostra strategia 2025, tali processi si svolgeranno in modo completamente automatico nelle operazioni quotidiane in futuro”. Il drone sviluppato da Skoda è basato sul modello Kingfisher prodotto dalla Robodrone e può volare fino a 20 km/h. Il mezzo è anche in grado di trasportare un carico fino a 5 kg. Durante l'attuale fase di test, il drone registra autonomamente il numero di contenitori vuoti all'esterno di un capannone del sito produttivo tre volte al giorno. I dati vengono quindi trasferiti automaticamente ai sistemi informatici del compato logistico di Skoda, dove vengono elaborati.

SENSORI E MAPPATURA 3D Poiché il GPS non è abbastanza preciso per determinare la posizione dei contenitori, il drone è dotato di un sensore LIDAR per misurare con precisione la velocità e la distanza (Leggi TomTom e la sfida delle mappe GPS per la guida autonoma). Un sensore LIDAR cattura fino a 300.000 immagini al secondo. Il drone si sposta nello spazio grazie ad una mappa 3D, creata in grazie ai suoi sensori. L'investimento complessivo per il progetto pilota è stato di circa 200.000 euro. Le operazioni di test sono in corso da maggio. Il drone sarà ulteriormente sviluppato ed otterrà il proprio “nido”: nel dettaglio si tratta il dispositivo di ricarica a cui il drone si avvicinerà autonomamente per la ricarica. Ci sarà anche una stazione meteorologica che fornirà al drone informazioni sulle condizioni atmosferiche prima del decollo sul tempo previsto a breve termine.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete