Stellantis: via OTA il sistema EVAS che avvisa dei mezzi di soccorso vicini

Stellantis lancia l’aggiornamento OTA che potrà salvare vite umane: arriva il sistema EVAS sui modelli con Uconnect 4 e 5

5 gennaio 2022 - 15:18

Stellantis ha annunciato un aggiornamento OTA che implementa le funzionalità del sistema EVAS. L’avviso di avvicinamento dei mezzi di soccorso con lampeggianti e sirene accese è già disponibile per alcuni modelli del gruppo dal 2018 in poi. Ecco come funziona.

EVAS CON L’AGGIORNAMENTO SULLE AUTO STELLANTIS DAL 2018

Quasi 4 milioni di veicoli in Nord America potranno essere equipaggiati con il sistema Emergency Vehicle Alert (EVAS). Il sistema infotainment di bordo collegato a un cloud avviserà i conducenti dell’avvicinarsi dei veicoli di emergenza con le sirene attivate o di altri pericoli stradali. Si tratta di una tecnologia di comunicazione V2X che abbiamo già visto in forma sperimentale negli ultimi anni ma che nel 2020 Stellantis ha iniziato a sviluppare con un partner tecnologico per renderla disponibile gratis sulle vetture del gruppo. L’avviso EVAS, spiega Stellantis in un post su Twitter, ha lo scopo di rendere le strade più sicure e sarà disponibile con un aggiornamento software over-the-air gratuito per i modelli Chrysler, Dodge, Jeep, Ram e Fiat dal 2018 in poi, con sistemi infotainment Uconnect 4 e 5.

COME FUNZIONA L’EMERGENCY VEHICLE ALERT SYSTEM STELLANTIS

Come riporta Firehouse il sistema EVAS di Stellantis è nato in un incontro del 2020 in cui i dipendenti del gruppo hanno presentato nuove idee. “Un dipendente ha raccontato che mentre stava viaggiando con i suoi figli e a causa del rumore nell’abitacolo non ha sentito l’ambulanza avvicinarsi”, ha dichiarato Mamatha Chamarthi, Chief Information Officer Stellantis. Stellantis ha deciso così di utilizzare l’hardware di connettività esistente sulle auto più recenti per integrare la funzione EVAS in collaborazione con HAAS Alert Safety Cloud, che lavora con più di 1.000 flotte di soccorritori negli Stati Uniti, in Canada e in Messico. Il sistema poi ha superato i test su diversi veicoli, tra cui anche una Jeep Wrangler Plug-in di Chamarthi. Il sistema EVAS conosce la posizione dei mezzi di emergenza e dove si trova l’auto. Il guidatore riceve un avviso sul display della plancia solo se i veicoli di emergenza sono nelle vicinanze e si muovono sulla stessa strada. Sono filtrati quindi gli alert alle auto che, ad esempio, si trovano su una carreggiata opposta dell’autostrada.

L’EVAS RIDUCE LA PROBABILITA’ D’INCIDENTE DEL 90%

Secondo l’Emergency Responder Safety Institute, nel 2021 hanno perso la vita 63 soccorritori statunitensi in incidenti stradali. Uno studio dell’Università del Minnesota sostiene che gli alert EVAS riducono la probabilità di incidenti del 90%, ritenuta la seconda causa di morte soprattutto tra i vigili del fuoco e le forze dell’ordine USA. Va inoltre considerato il tempo che risparmia un’ambulanza se le auto predispongono un corridoio di sicurezza. Secondi preziosi che possono davvero salvare delle vite umane.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre

Audi Q5 45 Sportback: nel test dell’alce non si comporta da SUV