Parcheggio automatico: 7 auto a confronto nel test 2021

Il parcheggio automatico o Park Assist ha funzioni e prezzi molto differenti. Ma vale i soldi che costa? L’ ÖAMTC mette 7 auto a confronto nel test 2021

1 luglio 2021 - 13:16

I sistemi di parcheggio automatico o Park Assist sono optional a pagamento disponibili su una grande varietà di auto, da quelle premium a quelle più popolari. In base al brand hanno funzioni variabili per assistere il conducente nelle fasi di parcheggio, fino a poter parcheggiare l’auto senza neppure essere seduti al volante. Ma quanto sono migliorati questi sistemi negli ultimi anni? L’automobile Club Austriaco ha sottoposto 7 modelli di auto con parcheggio automatico per capire quanto sono diventati affidabili. Ecco i risultati e se davvero vale la pena investire in un sistema che parcheggia al posto del conducente, o lo fa quasi in autonomia.

TEST DEI SISTEMI DI PARCHEGGIO AUTOMATICO: 7 AUTO A CONFRONTO

L’Automobile Club Austriaco ÖAMTC ha selezionato 7 modelli di auto, dalla compatta alla sportiva per testare i sistemi di assistenza al parcheggio Park Assist. Il costo di questi sistemi varia da 700 a 5000 euro e già questo benchmark fa capire che i sistemi di parcheggio automatico sono molto diversi. Ma saranno anche affidabili? L’ÖAMTC ha messo alla prova i sistemi facendo una scoperta eclatante: “i conducenti esperti parcheggiano molto più velocemente degli assistenti attualmente disponibili”. Ecco cosa cambia tra i modelli testati e cosa bisogna sapere prima di affidarsi totalmente al sistema Park Assist. I modelli di auto con Park assist nella prova sono:

– Aiways US;

– BMW Serie 5;

– Ford Focus;

– Kia Sorento;

– Mercedes Classe S;

– Porsche 911;

– Volkswagen Touareg;

COME FUNZIONANO I SISTEMI DI PARCHEGGIO AUTOMATICO NEL TEST

“La validità dell’investimento nel Park Assist dipende soprattutto dalle aspettative personali”, afferma Daniel Deimel, consulente tecnico OAMTC. “Tutti i sistemi esaminati di parcheggio automatico sono stati in grado di parcheggiare in modo affidabile in base alle funzioni disponibili”. Gli assistenti al parcheggio sulla Aiways U5 (SUV in vendita solo in alcuni Paesi europei) e Ford Focus costano circa 700 euro e sono i più economici. Con entrambi i sistemi però bisogna necessariamente restare al volante e non si può controllare dall’esterno la manovra in spazi ristretti (ad esempio entrare e uscire dal garage). Inoltre hanno meno funzioni rispetto ad altri sistemi, ma parcheggiano comunque con precisione secondo l’ÖAMTC. Anche i livelli di automazione sono via via crescenti in base al prezzo. In particolare:

Kia Sorento: il parcheggio automatico si può in realtà gestire anche tramite pulsanti sul telecomando in avanti o indietro;

Volkswagen Touareg e Porsche 911 (costo 5 mila euro, per giunta solo sulla Touareg ibrida e con altri accessori) gestiscono tutte le manovre di parcheggio (non solo avanti e indietro) dall’esterno o seduti al volante, comunque con la supervisione e l’interazione del conducente;

BMW Serie 5 e Mercedes Classe S (costo 3 mila euro per BMW, Mercedes ha un costo di acquisto maggiore) hanno un sistema di parcheggio con il più alto livello di automazione. Basta confermare di aver trovato un parcheggio e l’auto fa tutto da sola.

SISTEMI DI PARCHEGGIO AUTOMATICO: COME USARLI AL MEGLIO

Come spiega l’ÖAMTC i sistemi di parcheggio automatico, che per ogni brand hanno un nome commerciale specifico, sono tutti efficaci. Ma non è tutto rose e fiori, infatti ci sono delle particolari premure, controlli e manutenzioni da fare affinché il sistema sia sempre efficiente e affidabile. In particolare:

– I sistemi non sempre danno indicazioni e i manuali d’uso a volte sono complicati. Pertanto è meglio farsi spiegare dal rivenditore il funzionamento;

– Per i primi tentativi è consigliabile una zona a traffico limitato. Gli assistenti a volte riconoscono parcheggi liberi fino a una velocità di 40 km/h. L’ÖAMTC consiglia comunque di non guidare a una velocità superiore a 20 km/h quando si cerca un parcheggio;

– Il processo di parcheggio automatico deve essere sempre monitorato e, in caso di dubbi, interrotto immediatamente. a responsabilità è sempre del conducente e non del produttore;

– È essenziale mantenere puliti i sensori, altrimenti la funzionalità è limitata o disabilitata;

– Bisogna sempre considerare che le auto accanto alla vostra potrebbero essere “chiuse” se il sistema parcheggia talmente vicino all’altro sportello da impedire agli altri conducenti di salire nella loro auto. Siate rispettosi degli altri utenti della strada”, ricorda il Club.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild

Incidente apertura sportello: quando è colpa della moto?

Natale 2022 a Roma

Natale 2022 a Roma: nuovi orari Ztl e mezzi pubblici