Mal d’auto: con la guida autonoma il 70% delle persone a rischio nel mondo

Il mal d’auto è un problema molto diffuso nel mondo, ma Jaguar Land Rover ha sviluppato un software per la guida autonoma che riduce gli effetti della cinetosi

11 agosto 2020 - 9:10

La cinetosi, quella più nota come mal d’auto, colpisce oltre il 70% delle persone nel mondo e quando la guida autonoma stravolgerà il modo di sedersi in auto, i rischi di sentirsi male in viaggio saranno alti. Una delle soluzioni allo studio dei Costruttori auto prevede delle funzioni ad hoc per evitare il mal d’auto in viaggio. Jaguar Land Rover, ad esempio, sta insegnando alle auto un modo per evitare la nausea ai passeggeri in auto.

UN SOFTWARE PER PREVENIRE LA NAUSEA IN VIAGGIO

Jaguar Land Rover sta sviluppando un software in grado di ridurre la cinetosi attraverso l’adattamento dei futuri veicoli a guida autonoma. In tal modo, promette il Costruttore, potrà garantire una guida più raffinata e confortevole ai passeggeri. Durante la prima fase del progetto è stato elaborato un “punteggio benessere” che potrebbe ridurre l’impatto delle cinetosi fino al 60%. Gli ingegneri informatici dell’impianto Jaguar Land Rover di Shannon, hanno già implementato questa percentuale nel software per la guida autonoma in fase di sviluppo.

LE CAUSE DEL MAL D’AUTO IN MOVIMENTO

Il software lavora sui dati provenienti da 20.000 miglia percorse, sia nel mondo reale che in quello di test virtuale, per valutare le dinamiche di guida. Il sistema di apprendimento automatico assicura all’auto l’ottimizzazione dello stile di guida sulla base dei dati raccolti in ogni miglio di percorrenza. Tutto questo per prevenire il mal d’auto e la nausea quando sarà il pilota automatico a guidare. Il disturbo viene comunemente avvertito durante la lettura nei lunghi viaggi a bordo di un veicolo. Grazie all’utilizzo del nuovo sistema, l’accelerazione, la frenata e la posizione nella corsia di percorrenza, possono essere ottimizzati per evitare la sensazione di nausea nei passeggeri.

LA GUIDA AUTONOMA E IL PROBLEMA DELLA CINETOSI

Come nel caso del controllo adattivo della velocità e dei sistemi di monitoraggio delle corsie, gli ingegneri JLR continuano a sviluppare funzionalità maggiormente affinate dei sistemi ADAS. “Risolvere il problema della cinetosi nelle auto senza conducente è l’elemento chiave che permetterà di utilizzare il tempo di viaggio per leggere, lavorare o rilassarsi” afferma Steve Iley, Jaguar Land Rover Chief Medical Officer. Intanto però resta ancora da capire come saranno gli airbag e le cinture di sicurezza quando si potrà viaggiare leggermente più comodi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete