Hyundai-Kia e Aurora, il futuro delle fuel cell a guida autonoma

Si rafforza la collaborazione tra Hyundai-Kia e gli specialisti in guida autonoma di Aurora Innovation. Dopo Nexo in programma altri modelli a idrogeno intelligenti

14 giugno 2019 - 8:37

Prosegue il percorso di crescita di Hyundai e Kia in tema di guida autonoma. La partnership tra il gruppo coreano e la Aurora Innovation, specializzata in soluzioni per la guida autonoma appunto, giunge a un nuovo importante traguardo. Il gruppo Hyundai ha infatti investito 600 milioni di dollari su Aurora per dare un ulteriore impulso allo sviluppo di sistemi per la guida senza conducente.

SI PARTE DALLA NEXO

L’avvio della collaborazione tra il gruppo Hyundai-Kia e Aurora porta la data del 2018. Nell’arco dell’ultimo anno, infatti, le due aziende hanno lavorato a stretto contatto nello sviluppo di nuove soluzioni per la guida autonoma. A fare da “cavia” in questo lavoro di ricerca e sviluppo è stata la Hyundai Nexo. Il modello a idrogeno scelto in quanto massima espressione dell’attuale tecnologia del brand coreano. Non soltanto in tema di sistemi di assistenti alla guida. Ma anche per ciò che concerne l’impiego di un’alimentazione a basso impatto ambientale.

PIATTAFORMA TUTTA NUOVA

L’importante investimento di Hyundai-Kia in Aurora, porterà nuova linfa nel lavoro di ricerca e sviluppo dell’azienda, già impegnata anche con il Gruppo FCA. L’obiettivo non è più soltanto quello di creare sempre più efficienti sistemi di assistenza alla guida. Ma sviluppare una nuova e inedita piattaforma che sfrutti la più moderna tecnologia in termini di guida autonoma. Una piattaforma il più possibile trasversale, da applicare a più modelli firmati Hyundai e Kia. A idrogeno e non solo.

OBIETTIVO 2021

Il fiore all’occhiello di Aurora è l’Aurora Driving. Si tratta di un un sistema di guida autonoma particolarmente evoluto. Questo sfrutta il lavoro congiunto di una serie di lidar, radar e telecamere, per monitorare costantemente l’ambiente intorno all’auto. Fatto questo, comunicando con il suo software di gestione, può intervenire attivamente sui movimenti del veicolo, armonizzandoli con l’ambiente esterno in tutta sicurezza. Il nuovo investimento, inoltre, si inserisce in un’importante strategia di crescita di Hyundai Motor, che vede il gruppo impegnato nello sviluppo e nella commercializzazione di un sistema di guida autonoma di livello 4 entro il 2021 con un progetto pilota di taxi-autonomi in alcune città.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete