Sistemi di riconoscimento dei limiti di velocità. Il test ADAC

ADAC ha messo alla prova i nuovi avanzati sistemi di sicurezza che indicano il limite di velocità in tempo reale al guidatore, andiamo a vedere i risultati.

28 febbraio 2011 - 6:00

Da qualche tempo sono disponibili su alcune auto di grande cilindrata particolari sistemi di sicurezza che, tramite una telecamera posta sul parabrezza, analizzano i segnali dei limiti di velocità riportandoli su un display e ricordando al conducente la velocità massima possibile sul tratto di strada che sta attraversando. Ma sono veramente funzionali come promettono? ADAC li ha sottoposti ad un test comparativo.

I SISTEMI TESTATI – L'ente tedesco ha messo alla prova i dispositivi che equipaggiano l'Audi A8, la BMW serie 7, la Mercedes Classe S, la Opel Insigna e la Wolkswagen Phaeton. I test si sono svolti su strade statali e sulle più larghe autostrade tedesche, in diverse condizioni meteo e di illuminazione.

BUONI MA MIGLIORABILI – Tutti i dispositivi hanno dato esiti favorevoli nel test, con la BMW che si è meritata il primo posto grazie anche alla possibilità di proiettare il limite di velocità sul parabrezza. Praticamente tutti i sistemi hanno il limite di non riconoscere i cartelli a messagio variabile che funzionano con un pannello a LED. Tutti i sistemi tranne quello della Opel sono abbinati ad un navigatore satellitare, che fornisce, grazie alla cartografia, il limite di velocità se la telecamera non rileva alcun segnale.

PREZZI ALTI – I dispositivi di BMW, Audi, Mercedes e Volkswagen sono offerti esclusivamente in abbinamento ai costosi sistemi di navigazione integrati, quindi il loro prezzo è molto alto. Solamente Opel offre la telecamera senza il sistema di navigazione, ad un prezzo molto più abbordabile. Tuttavia il limite del sistema Opel sta nel fatto che il sistema comunica solamente i limiti visti attraverso la telecamera, non avendo anche l'eventuale aiuto dalla cartografia del navigatore satellitare.

Qui di seguito trovate il video ADAC che spiega come sono stati eseguiti i test, e i risultati dettagliati della comparativa.

Ricordatevi di attivare i sottotitoli e buona visione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage