Sicurezza degli animali: Polstrada scatenata

In due settimane, 35 posti di controllo della Polstrada per prevenire il trasporto scorretto degli animali destinati alle tavole italiane

1 luglio 2013 - 6:00

Quando benessere degli animali e sicurezza alimentare vanno a braccetto: controlli a tappeto della Polizia stradale un po' in tutto il Paese, con multe complessive di 30.000 euro per sanzionare il trasporto scorretto degli animali destinati alle tavole italiane.

UNA TASK FORCE – A Savona e Imperia, a Firenze, Livorno, Arezzo e Siena, ma anche a Napoli, Salerno, Avellino e Benevento, a Catanzaro, Cosenza, Crotone e Vibo Valentia, sono stati ben 35 i posti di controllo nell'arco complessivo di due settimane: la Stradale, con personale specializzato e preparato per i particolari controlli su strada, s'è avvalsa della collaborazione della Lav, Lega antivivisezione. Con l'impiego di 66 pattuglie, sono stati 79 i veicoli adibiti al trasporto degli animali destinati alla macellazione che sono risultati in palese violazione della normativa con 57 infrazioni contestate, di cui 27 alla specifica normativa.

SCENARIO DRAMMATICO – La Stradale s'è trovata davanti animali maltrattati e in pessime condizioni di salute trasportati da autisti complici, verso macelli consenzienti: animali che poi sono destinati a finire sulle nostre tavole. In questo particolare periodo dell'anno, caratterizzato dalle alte temperature, sono stati intensificati i controlli sui suini, che peggio sopportano tali condizioni, soprattutto quando trasportati su veicoli non idonei per ventilazione e sistemi di abbeveraggio o in violazione delle previste e più elementari pratiche di trasporto. A Savona, addirittura, un conducente spagnolo trasportava 195 maiali, diretti in Sardegna, in condizioni stremate e privi d'acqua, ed è stato sanzionato per quasi 6.000 euro.

CONTRO I MALTRATTAMENTI – L'attività di contrasto delle irregolarità nel campo della sicurezza stradale e della tutela della salute e del benessere degli animali è stato già oggetto di un protocollo d'intesa tra i ministeri dell'Interno e della Salute del 19 settembre 2011. L'Unione europea dal 2005 ha tracciato delle linee guida in materia, invitando i Paesi appartenenti ad aderire allo specifico Regolamento in cui sono definite le regole da rispettare per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti gli animali, riconosciuti nel trattato di Lisbona come esseri dotati di sensi e sensibilità. Alla Polstrada, in collaborazione dal dicembre scorso con la Lav, il compito di scovare i veri “animali”: quelli che organizzano il trasporto delle povere bestie in condizioni allucinanti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?

Strisce blu Venezia

Strisce blu Venezia: mappa, orari e tariffe