Scatola nera: un Decreto ne fissa le caratteristiche

Passo avanti verso la scatola nera nel settore RC Auto

6 febbraio 2013 - 8:00

Scatola nera: è la novità più attesa del settore assicurativo auto, perché potrebbe drasticamente ridurre le truffe (registrando i movimenti del veicolo e la dinamica degli incidenti), e quindi i prezzi RCA; ma tarda ad arrivare. Ora c'è stato un passo avanti: il ministero dei Trasporti (di concerto con quello dello Sviluppo economico) ha emanato il Decreto 25 gennaio 2013. Fa seguito alla Legge 27 del 24 marzo 2012 recante la conversione del Dl 1 del 24 gennaio 2012: ha introdotto nel Codice delle assicurazioni private la possibilità di installare a bordo dei veicoli a motore scatole nere. Vengono così individuati i dispositivi e le loro funzioni minime.

COME SONO – In base al Decreto, i dispositivi sigillati, sono alimentati e solidalmente ancorati a elementi fissi e rigidi del veicolo stesso. Questi sistemi devono monitorare in tempo reale la velocità del mezzo, una diagnostica da remoto dello stesso trasmettendo anche periodicamente tutte le informazioni immagazzinate. La messa a regime di questi sistemi è però condizionata da un ulteriore decreto e da un regolamento ex Isvap, che oggi è l'Ivass. Grazie alla scatola nera, si avrà la determinazione continuativa nel tempo di posizione e velocità del veicolo, e verrà garantita l'incorruttibilità del dato raccolto con una percentuale superiore al 99%. Si otterrà la tempestiva individuazione di malfunzionamenti o di tentativi di manomissione fisica o logica non autorizzati.

TECNOLOGIA GPS – Affinché queste funzioni possano efficacemente essere assolte dai meccanismi elettronici, è richiesto che all'interno delle black box siano presenti: un ricevitore elettronico GPS, compatibile con la nuova costellazione Galileo, per la geo-radiolocalizzazione terrestre tramite rete di satelliti artificiali; un accelerometro triassiale con bassa distorsione, elevata tolleranza agli shock, stabilità termica; un dispositivo di telefonia mobile General Packet Radio Service (GPRS) per la trasmissione dati tramite rete GSM-UMTS; un banco di Memoria flash e uno di memoria RAM per la memorizzazione dei dati raccolti nell'intervallo di tempo intercorrente tra due trasmissioni successive dei dati; un dispositivo di comunicazione wireless bi-direzionale  con antenna integrata dedicato alla comunicazione con altri dispositivi installati a bordo del veicolo; una batteria ricaricabile.

CONCORRENZA – È però da due anni, va evidenziato, che si attende la scatola nera: che sia la volta buona? SicurAUTO.it vi terrà aggiornati in materia, nei prossimi giorni. Intanto, a proposito di prezzi RCA, il sindacato degli agenti assicurativi SNA evidenzia che, secondo l'ultima rilevazione di IAMA Consulting, su un panel di oltre 2.200 intermediari, l'84,5% si è dichiarato favorevole alle collaborazioni fra agenti e l'85,1% prevede nel 2013 di attuarle concretamente. “La possibilità per gli intermediari di collaborare fra loro è stata accolta con grande entusiasmo dalla categoria agenti – ha dichiarato Claudio Demozzi, presidente nazionale dello SNA -. Si tratta di una vera e propria battaglia che lo SNA ha portato avanti con grande senso di responsabilità negli scorsi mesi, avendo chiari due obiettivi fondamentali: da un lato, dare ai nostri clienti la maggiore trasparenza e la reale concorrenza cui hanno diritto; dall'altro, offrire maggiori opportunità agli agenti per lo sviluppo del business assicurativo”. Infatti, conclude il presidente SNA, “il mercato delle assicurazioni in Italia si muove verso una sempre maggiore comparazione dell'offerta da parte dei nostri clienti. Il 55% dei consumatori si informa online prima di fare acquisti sulla propria assicurazione e il 36,7% alla scadenza della polizza auto richiede altri preventivi. In questo senso un'offerta comparativa può solo valorizzare la figura dell'intermediario, rendendolo un vero consulente in grado di fornire sia nell'auto sia in altri rami la giusta risposta alle esigenze espresse, selezionando le migliori soluzioni proposte dal mercato assicurativo”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

FCA – PSA: perché l’Antitrust UE darà l’ok alla fusione

Auto Europa 2021: le 7 finaliste in gara

ZTL Pisa

ZTL Pisa: mappa, orari e permessi