Salone di Ginevra 2019, debutta la Seat el-Born

Tolti i veli alla prima elettrica spagnola che arriverà nel 2020 con 204 CV e 450 km di autonomia e un sistema di guida autonoma di livello 2

1 marzo 2019 - 16:54

Al Salone di Ginevra 2019 Seat presenterà il suo primo modello completamente elettrico. Si tratta della Seat el-Born, che rappresenta a tutti gli effetti il primo passo del produttore spagnolo nella direzione dell'alimentazione puramente elettrica. Per quanto si tratti ancora di una concept, il modello pare essere molto vicino alla versione di serie che dovrebbe fare il suo debutto commerciale nel corso del 2020. A bordo, un powertrain che assicura 450 km di autonomia e una ricca dotazione di sistemi di assistenza alla guida che assicurano un livello di guida autonoma di livello 2.

SULLA PIATTAFORMA MEB La nuova Seat el-Born sarà realizzata sulla piattaforma Meb del Gruppo Volkswagen, la stessa sulla quale nasce la Volkswagen ID, e sarà il primo modello di un altro brand del Gruppo a sfruttarla. Infatti, esattamente come per altri modelli elettrificati del Gruppo tedesco, anche la el-Born verrà costruita nello stabilimento di Zwickau, in Germania, nonostante il modello sia stato interamente studiato e progettato a Barcellona, nel quartier generale di Seat.

450 KM DI AUTONOMIA Ad alimentare la nuova Seat el-Born, provvede un pacco batterie agli ioni di litio con una capacità di 62 kWh, che promettono, stando ai dati dichiarati dalla casa, un'autonomia di 450 km. Buona anche la potenza del propulsore, che assicura la presenza di 204 CV, sufficienti a far scattare la nuova Seat elettrica da 0 a 100 km/h in 7,5 secondi. Il powertrain è compatibile con i moderni sistemi di ricarica a 100 kW, in questo modo è possibile raggiungere l'80% di carica della batteria dopo 47 minuti di collegamento alla colonnina.

GUIDA AUTONOMA DI LIVELLO 2 Che la Seat el-Born sia più vicina alla produzione in serie di quanto non sembri è dimostrato dai sistemi di assistenza alla guida presenti a bordo. Invece di sofisticate soluzioni attualmente inapplicabili alla circolazione su strada, la prima elettrica spagnola adotta un moderno sistema di guida autonoma di livello 2. Già disponibile su altri modelli del Gruppo, questo sistema è in grado di controllare autonomamente il veicolo anche in condizioni di traffico ed è affiancato da un sistema di assistenza al parcheggio intelligente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Uber, incidenti nei test ogni 15 mila miglia: ex dipendente vuota il sacco

Crisi di Governo

Crisi di Governo: 5 impegni su auto e sicurezza stradale a rischio

Le 10 cose più pericolose che si fanno al volante, anche inconsciamente