Salone di Francoforte 2015: Michelin con il nuovo Pilot Sport4 ibrido

Il nuovo pneumatico sportivo Michelin utilizza una cintura realizzata con fibre di aramide e nylon. Scopri tutte le novità di Francoforte

16 settembre 2015 - 17:31

Il marchio del Bibendum, uno dei costruttori che appartiene al club di chi ha creato gli pneumatici moderni, ha portato a Francoforte una serie di novità che dimostrano il suo eclettismo e soddisfano le esigenze degli sportivi, dei fuoristradisti e anche degli automobilisti “pigri”.

LE QUATTRO STAGIONI SONO REALTÀ – Non ce ne vogliano i lettori ma fino a qualche tempo fa chi abitava in zone nelle quali le condizioni climatiche potevano diventare avverse e non cambiava il suo treno di gomme si meritava questo appellativo. Per fortuna sia la sicurezza sia la comodità sembrano essere salve grazie alle coperture all-season, 6 tipi delle quali sono state provate da AutoBild. Questa tipologia di gomma vede fra i suoi paladini anche Michelin e le sue CrossClimate, testate da SicurAUTO in montagna, a rappresentare un ottimo compromesso (ricordiamo che si tratta di coperture estive marchiate 3PMSF, ossia 3 Peak Mountain + Snowflake, una primizia di Michelin). Bene: le CrossClimate, pur non essendo una novità dato che sono entrate nei mercati europei da maggio 2015, si meritano un posto d'onore al Salone di Francoforte dato che fonti aziendali riferiscono come in 4 mesi esse abbiano riscosso un successo tale far prevedere il superamento degli obiettivi di vendita 2015 per un 30% circa. La sua ecletticità è stata apprezzata sia fra le Case, che hanno già omologato MICHELIN CrossClimate come primo equipaggiamento in Europa, sia fra i gestori delle flotte, quali BRITISH GAS in UK, Carglass e KPMG in Belgio e ALD in Olanda.

PIÙ RESISTENTI DELL'ACCIAIO – Michelin cita poi dei dati che corroborano la sua volontà di proporre coperture il più possibile eclettiche. Secondo GFK (dati 2014) il 65% degli automobilisti europei infatti utilizza pneumatici estivi tutto l'anno, percentuale che scende 20% in Germania, dato che la normativa locale impone gomme speciali in inverno (in Francia, dove non esistono norme al riguardo, la percentuale risale al 76%) e, al contrario, una percentuale di automobilisti che va dal 3% (Germania) al 7% (Francia) utilizza gli pneumatici invernali tutto l'anno. Non c'è da stupirsi di questa inerzia, dato che 4 automobilisti europei su 10 (dati Ipsos 2015) considerano il cambio stagionale degli pneumatici un fastidio da rimandare il più possibile. Meno eclettico ma super sportivo è invece il MICHELIN Pilot Sport 4, derivato dall'esperienza maturata dal marchio nelle competizioni e disponibile da gennaio in 17 misure per cerchi da 16 e 17; le misure per i cerchi da 19″ arriveranno fra il 2016 e il 2017. Le Pilot Sport 4 incorporano la nuova tecnologia “Dynamic Response” che prevede una leggera ma resistente cintura ibrida in aramide e nylon per un controllo ottimale. L'uso di queste fibre è motivato dalla resistenza (sono cinque volte più resistente dell'acciaio a parità di peso), dote che conferisce elevata resistenza alla trazione e leggerezza. Quest'ultima proprietà permette poi un miglior controllo dell'impronta al suolo del battistrada ad alta velocità perché risente meno della forza centrifuga.

SILICE, DECIBEL E OFF-ROAD – Questa copertura promette anche un'elevata capacità di adattamento alla strada grazie alle interazioni dinamiche tra architettura, scultura e materiali; fra questi ultimi citiamo la nuova mescola che non soltanto è molto omogenea ma incorpora anche “elastomeri funzionali” che migliorano la distribuzione della silice all'interno della mescola stessa, esaltandone l'azione. La silice riesce nella difficile impresa di diminuire l'attrito interno della copertura – e quindi i consumi – conservando la resistenza all'usura e il grip: per queste sue proprietà viene studiata da Pirelli e l'università Bicocca e non ci stupiamo quindi come essa sia considerata nelle Pilot Sport 4. I canali longitudinali larghi e profondi offrono poi elevate capacità di drenaggio dell'acqua su fondo bagnato. Interessante per i fuoristradisti più impegnati è poi il BFGoodrich All-Terrain T/A KO2, concepito specificatamente per i veicoli off-road. Non è una novità, dato che è in vendita in Europa dall'estate, ma va comunque citato perché è il primo pneumatico di serie a integrare la tecnologia CoreGard, che protegge i fianchi da tagli e abrasioni, mentre la sua durata sulla ghiaia è aumentata del 100% rispetto alla versione precedente. Aumentata anche la trazione (+10% sul fango e + 19% sulla neve) e la durata sull'asfalto, superiore del 15%. Interessante anche il Pilot Sport 3 con tecnologia Michelin Acoustic: un anello interno in schiuma poliuretanica permette infatti una consistente riduzione del rumore di rotolamento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Passare con il rosso: l’hanno fatto 3,5 milioni di americani nel 2019

Stress da viaggio: 10 consigli per evitarlo

Garanzia auto

Auto usate a luglio 2020: oltre 300 mila i passaggi di proprietà