Salone di Detroit: Infiniti Q60, la coupè muscolosa con sospensioni digitali

Infiniti svela le linee definitive della Q60, con nuovi motori e l'innovativo sistema Dynamic Digital Suspensions per una guida in piena sicurezza

12 gennaio 2016 - 17:19

Questa edizione del Salone di Detroit è molto importante per Infiniti, perché rappresenta un traguardo messo nel “mirino” già dallo scorso anno. Nella penultima edizione di Detroit la Casa nipponica aveva infatti mostrato un concept che esprimeva la volontà di proporre una coupè sportiva dal look accattivante, con prestazioni elevate ma conservando un'alta percentuale di lusso, che caratterizza tutta la gamma Infiniti. In questa edizione è possibile “raccogliere” i frutti del lavoro svolto da Infiniti sulla Q60, che mette in mostra le sue linee muscolose, dinamiche, il nuovo 3.0 litri V6 biturbo e tanta tecnologia che aiuta le prestazioni e migliora la sicurezza. Ecco tutte le caratteristiche della Q60.

SI PRESENTA BENE – Il debutto mondiale al NAIAS 2016 per la nuova Infiniti Q60, coupé sportiva di segmento D, non è stato per nulla “malvagio”, soprattutto perché ha ricevuto i complimenti di moltissimi appassionati dei modelli concorrenti, ovvero la Bmw Serie 4 e la Mercedes-Benz Classe C Coupé (leggi qui i dettagli dell'accordo tra Infiniti e Mercedes-Benz per costruire auto in Messico). Lunga 4.68 metri, larga 1.85 ed alta 1.38, vanta un passo di 2.85 metri e fa del suo punto di forza, oltre alle doti tecniche, la qualità generale che solo un marchio premium sa offrire, oltre a una personalità spiccata. Non solo la veste estetica e gli interni, ma a rafforzare quanto appena scritto è la totale proposta tecnica, capeggiata dal nuovo motore di 3.0 litri V6 biturbo, che si lascia apprezzare per essere compatto, leggero e performante. Questo propulsore a sei cilindri è una nuova unità chiamata VR30 ed è stato progettato per offrire al guidatore ben 405 Cv di potenza massima, con una coppia di 475 Nm, abbinato a una trasmissione automatica a 7 marce.

TANTA TECNOLOGIA – Se si parte dal cuore della Q60, ovvero dal nuovo motore di 3,0 litri e si osserva l'offerta tecnologica di Infiniti, ci si accorge che la proposta è altamente valida. Questa unità propulsiva viene combinata ad nuovo Direct Adaptive Steering e sospensioni digitali. Su questa vettura non manca neppure la trazione integrale (sistema intelligente All Wheel Drive AWD) che garantisce una maggior tenuta di strada e quindi una maggior sicurezza. Parlavamo qualche riga sopra delle nuove sospensioni della Q60: e bene, si tratta delle Dynamic Digital Suspensions (DDS), studiate per garantire un equilibrio migliore tra comfort di guida, reattività e agilità, grazie anche ad una nuova serie di ammortizzatori. Arrivati a questo punto è possibile menzionare il Drive Mode Selector, attraverso il quale si possono impostare la risposta di motore, cambio e sterzo secondo i propri desideri. Bisogna ricordare poi che sulla Q60 sarà disponibile anche la motorizzazione a benzina turbocompressa di 2.0 litri, un quattro cilindri da 211 Cv con trazione posteriore. L'avventura sui mercati stabiliti per la nuova coupé sportiva di Infiniti inizierà nella seconda metà del 2016.

IL RESTO DELLO STAND – Il 2015 si è chiuso brillantemente per Nissan, così come per il suo marchio di lusso, Infiniti. Come anticipato sopra, questa edizione del Salone di Detroit rappresenta una vetrina importante per i due marchi, in particolare per Infiniti, che ha la possibilità di mostrare la sua eccellenza (leggi qui le caratteristiche della piccola Q30). Sotto questo punto di vista, l'aver presentato la Q60, rappresenta senza dubbio la “ciliegina sulla torta”, anche se dal Giappone hanno portato tanti altri interessanti modelli, che sono novità assolute o quanto meno novità dell'ultimissimo periodo. Così chi si trova al Naias e passa allo stand Infiniti, oltre alla coupè sportiva di segmento D può ammirare la rivisitata Q50, nata nel 2013 dalla berlina G e prima vettura della Casa nipponica con il nuovo corso di denominazione alfanumerico affiancato alla lettera Q, che rappresenta un omaggio alla prima vettura introdotta da Infiniti nel 1989 proprio sul mercato americano, ovvero la Q45.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?