Roma, autovelox ai Fori: davvero è la soluzione?

Un giorno di autovelox ai Fori di Roma: strage di multe

12 agosto 2013 - 7:00

Come SicurAUTO.it aveva denunciato, a Roma, nella zona dei Fori Imperiali pedonalizzati regna l'anarchia. Con macchine che sfrecciano ben oltre i 30 km/h. Così, per arginare il fenomeno, il Comune ha piazzato gli autovelox.

CONTRI I VEICOLI TROPPO VELOCI – Anzitutto, è stata anche decisa l'inversione del senso di marcia di via dei Serpenti, tratto via Nazionale-via Panisperna. Sempre su via dei Serpenti viene modificato il semaforo di uscita: d'ora in poi si potrà da quel punto attraversare via Cavour e imboccare via degli Annibaldi; possibile anche la svolta a sinistra per prendere via Cavour in direzione Termini. Ma soprattutto, la Polizia locale presidia l'asse Fori-via Labicana con autovelox mobili, per verificare che il nuovo limite di velocità di 30 km/h sia rispettato. Il motivo? “Dal 4 agosto via dei Fori passerà da un volume di circa 1.200 veicoli all'ora a un traffico di meno di 50”, aveva detto il primo cittadino di Roma, Ignazio Marino, presentando la Notte dei Fori di sabato sera, spiegando gli effetti della chiusura alla circolazione privata. Ma anziché un drastico calo del trafficom, a Roma, è stato subito caos per i Fori pedonalizzati. Con due guai: per adesso 50 veicoli ci transitano in una decina di minuti, e non in 60 minuti, come ha potuto constatare di persona SicurAUTO.it, perché c'è un costante afflusso di taxi, noleggio con conducente e open bus. L'altro problema è dato dalla velocità. Il comunicato del Comune diceva che, con la pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali, la nuova viabilità e lo stop alle auto private, ci sarebbe stato il limite di velocità fissato a 30 km/h. In realtà, a occhio e croce, i 50 km/h venivano infranti con regolarità da tutti i mezzi a motore.

VERBALI A RAFFICA – Risultato degli autovelox, 338 multe su via dei Fori imperiali e via Labicana nella prima giornata di attivazione delle macchinette. E persino una maxi sanzione da 821 euro. Durante la mattinata del 10 agosto sono state circa 160 le contravvenzioni emesse per eccesso di velocità su via dei Fori imperiali e via Labicana. Nel pomeriggio – dalle 15 alle 19 -, su 324 veicoli passati su via Labicana quasi uno su due sono stati multati: ben 156. Su via dei Fori imperiali le sanzioni elevate sono state 31. “Non sono poche multe – dice il vicecomandante della Polizia municipale romana, Diego Porta – perché bisogna considerare anche che non c'era tanto traffico”.

DUE PROBLEMI – Resta da capire, anche in virtù di questi numeri, se gli autovelox siano davvero la panacea di ogni male. Forse, chi corre troppo andrebbe fermato subito, e comunque fra il momento dell'infrazione e quello in cui riceverà a casa la multa potrebbero passare mesi, durante i quali il trasgressore – non sapendo dell'autovelox – potrebbe ancora premere troppo sull'acceleratore, mettendo in pericolo la siucrezza stradale. Insomma, il ricorso al solito autovelox pare una soluzione ultra-rapida, estemporanea, ma poco coerente con un piano di prevenzione organico ed efficace, nel quale rientrano la sensibilizzazione e la prevenzione. Inoltre, restano le incertezze sul nuovo piano per il traffico nella zona: sono tanti gli automobilisti che continuano ad avere dubbi e problemi con la nuova viabilità. Siamo sicuri che i cartelli spieghino tutto per bene? L'errore più frequente è percorrere via Emanuele Filiberto, tentare di svoltare su viale Alessandro Manzoni, in direzione di via Labicana, prima di essere bloccati dai caschi bianchi. Gli ulteriori cambiamenti – in particolare quelli che riguardano via Panisperna – hanno già creato i primi problemi soprattutto a chi circolava nel reticolo di strade storiche comprese tra via Nazionale e via Cavour: un inizio caotico, quello dei Fori Imperiali. Vedremo se e come il Comune rimedierà ai problemi.

1 commento

salvatore
20:04, 18 agosto 2013

Se uno corre ed è pericoloso va fermato subito. L'autovelox troppo spesso è usato come bancovelox.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori