Revisione auto: sparisce lo storico dei chilometri, una beffa

Un addetto ai lavori ci rivela che i chilometri registrati durante le revisioni sono diventati segreti: un aiuto in più ai venditori auto truffaldini

24 maggio 2017 - 10:00

Nei primi giorni di aprile 2017 era diffuso un grande sentimento di rivincita da parte di tutte le persone oneste per la novità presentata sul Portale dell'Automibilista “verifica ultima revisione” –  leggi qui le utime novità. Il 2015 è stato un anno di grande cambiamento per i Centri di Revisione in Italia per l'introduzione del protocollo MCTC Net2 che, tra le tante novità, imponeva l'obbligo di registrare i chilometri al momento della revisione. Ecco spiegato il motivo per cui tanti veicoli riportano come chilometraggio 0: se il veicolo è stato revisionato nel 2015 con protocollo MCTC Net1, il dato non è stato riportato, nulla di anomalo. Ma vediamo un esempio pratico delle conseguenze che ha portato sulla possibilità di smascherare una possibile truffa di un'auto con i chilometri scalati, che verrebbe meno se il MInistero che abbiamo interpellato dovesse confermare il tutto.

ESEMPIO DI UN'AUTO CON I KM SCALATI Considerando che siamo circa a metà dell'anno in corso e sapendo che i centri si sono adeguati al nuovo protocollo in modo regolare e “ordinato”, possiamo affermare che la metà dei veicoli revisionati nel 2015 dovrebbe avere il chilometraggio noto. La totalità di questi veicoli, se ha rispettato le scadenze, nel 2017 è stato sottoposto a nuova revisione ministeriale e quindi a raccolta dei chilometri. Due dati sono pochi per fare una stima e per ricostruire la vita di un veicolo, ma è evidente che, se ad aprile 2015 un veicolo aveva 90.000Km e ad aprile 2017 40.000 Km…qualcuno potrebbe aver tentato una truffa. Guardiamo l'esempio seguente per capire meglio.

COSA E' CAMBIATO Il servizio del Portale dell'Automobilista era talmente impeccabile che qualcuno avrebbe pensato di modificarlo, rendendolo ambiguo e poco affidabile. Nelle prime settimane di aprile era possibile vedere lo storico dei chilometraggi rilevati con protocollo MCTC Net2 per un determinato veicolo, ora, per lo stesso veicolo, sarebbero disponibili solo i dati dell'ultima revisione, vedi immagini sopra della stessa auto con e senza lo storico dei chilometri. Che fine hanno fatto gli altri dati? I dati ci sono, ma sarebbero occultati. Forse perchè a molti venditori truffaldini non è piaciuto lo scherzo di poetr leggere la traccia dei chilometri percorsi da un'auto sottoposta a revisione? Se così fosse questi “furbetti”, chiamiamoli così, avrebbero trovato il modo legale per aggirare il problema, ovvero facendo sottoporre il veicolo a nuova revisione con il chilometraggio già manomesso, e registrare il dato sbagliato. Guardate cosa afferma il titolare di un Centro di Revisioni come risposta ad un articolo che parlava del calo di revisioni auto e moto nel 2016, nell'immagine qui sotto.

IL PARERE DELL'ADDETTO AI LAVORI Ebbene si, in tutta Italia si sono registrati svariati casi di questo tipo e sapete qual è la differenza con i tentativi di corruzione precedenti? Prima dipendeva tutto dall'onestà e dalla professionalità del Responsabile Tecnico che  era tenuto ad inserire i dati reali, non quelli che il venditore avrebbe voluto fossero inseriti; ora è illegale rifiutarsi di eseguire una revisione perchè è un pubblico servizio. Non esiste proverbio più azzeccato di “fatta la legge, trovato l'inganno”. Se la situazione sul Portale dell'Automobilista dovesse rimanere invariata, lo scrivente consiglia a tutti gli automobilisti di diffidare delle auto che hanno revisioni fatte in anticipo, vi posso assicurare che nessuno mai le fa involontariamente. Le etichette che certificano la revisione sono difficili da scollare, verificate sempre che non ci siano due talloncini sovrapposti, in quel caso è lecito fare qualche domanda al venditore. E SicurAUTO.it di domande su questa vicenda ne ha fatte al Ministero dei Trasporti, ma la risposta – forse troppo scomoda – non è ancora arrivata. Restate collegati poichè vi aggiorneremo sugli sviluppi appena avremo novità.

 

Si ringrazia Diego Brambilla, Responsabile Revisione Autoveicoli (https://revisioniautoblog.com/) per la redazione dell'articolo.

10 commenti

Donato
15:47, 1 dicembre 2018

Gentile Andrea,
lei come tanti altri automobilisti possono rivolgersi direttamente al centro prove che ha effettuato la revisione. Dalla prossima revisione sarà richiesto al proprietario(o la persona delegata dal proprietario che porta l'auto in officina) a controllare subito dopo la revisione che i dati riportati nel Certificato di revisione consegnato siano corretti, e contestualmente segnalare eventuali errori all'ispettore del Centro Prove che provvederà a correggere l'errore.
Maggiori informazioni su queste recenti novità le trova in questo articolo: https://www.sicurauto.it/news/revisione-auto-per-conto-terzi-dal-19-novembre-ce-lobbligo-della-delega.html

Luigi
8:17, 30 settembre 2017

E io allora cosa dovrei dire che in revisione mi hanno segnato 75000 km sulla moto quando in realtà ne ha 35000 e me ne sono accorto solo ora.

Francesco
15:18, 11 gennaio 2018

Mi è successa la stessa cosa. Revisione Mini Countryman Cooper Benzina del 2011 effettuata a Gennaio 2017 esito regolare, l'auto aveva solo 46000 km (è sempre stata mia) e gli adetti alla revisione hanno segnato la bellezza di 117ooo km, cosa che ancora risulta sul sito del portale dell' automobilista. Li ho chiamati decine di volte intimandogli di correggere e mi hanno sempre risposto che avrebbero provveduto.. cosa che né loro né la motorizzazione hanno mai fatto. L'auto aveva anche da poco fatto un tagliando in BMW dove risultano i km originali. Credo che passerò alle vie legali

mauro
13:55, 19 marzo 2018

L'auto di mia moglie aveva 28000 km alla revisione ne hanno scritti 58000, se ne e' accorto il compratore dopo pochi mesi dalla revisione andando su quella caxxata di ..scanner che attinge ai dati del portale dell'automobilista siamo andati alla concessionaria ufficiale e hanno verificato che il dato corretto era 28000 . Ho scritto alla direzione della motorizzazione nessuna risposta, il cui telefono peraltro ti da mille opzioni di non risposta alcuna. Ma come e' possibile verbalizzare un dato cosi' importante senza darne comunicazione e senza possibilita' di rettifica. Paese sempre piu' allucinante. Miei figli all'estero per lavoro e studio con preghiera di non tornare..

Nicola
10:46, 25 aprile 2018

auto comprata nel 2010 con soli 15.000 KM.
Attualmente l'auto ha 105.000 Km. Consultando il portale mi da che nel 2014 aveva 143.000 KM, nel 2016 invece 65.000KM.
Mi chiedo, sta cosa di pubblicare i KM èp stata fatta per invogliare i cittadini a fare cause e spendere soldi e soldi?. Per far arricchire ancor di più gli avvocati?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggiare in autobus è sicuro

Incidenti con autobus -4,5%, nel 2018 calano più degli autocarri

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE