Renault-Chronocam: le auto vedranno la strada come l'uomo

Renault sigla una importante partnership per la guida autonoma, potrà disporre di una visione artificiale rivoluzionaria sviluppata da Chronocam

9 novembre 2016 - 10:00

Un passo avanti verso l'auto a guida autonoma è stato compiuto dalla Casa costruttrice francese Renault, il suo CEO Carlos Ghosn ha annunciato una partnership strategica che contribuirà a velocizzare lo sviluppo dei primi modelli driverless della Losanga. L'accordo è stato stretto con la connazionale Chronocam, una startup impegnata nello sviluppo di tecnologie avanzate e che ha messo a punto nuovi sensori ispirati all'occhio umano per una visione artificiale.

LA FIDUCIA DI RENAULT NELLE STARTUP HI-TECH In occasione del Web Summit di Lisbona, evento dedicato alle startup e alla loro visibilità internazionale, è stata annunciata l'importante collaborazione tra Renault e Chronocam; obiettivo della partnership è quello di imprimere un'accelerazione nello sviluppo dei sistemi di assistenza alla guida (ADAS), finalizzati ad approcciare alla guida autonoma. Il costruttore francese ha in precedenza investito nella startup, credendo nelle sue potenzialità e nell'innovazione alla quale i progettisti stavano lavorando (Sapevi del polo tecnologico Renault in Israele?). I programmi di Chronocam hanno già convinto ulteriori investitori, al punto da farle raccogliere ben 15 milioni di dollari per portare a termine lo sviluppo della nuova tecnologia.

I VANTAGGI DI UNA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA La tecnologia della visione artificiale messa a punto da Chronocam si basa sulla visione neuromorfica, fortemente ispirata al funzionamento dell'occhio umano. Ispirata sempre al modello umano è l'interpretazione dei dati rilevati, questi infatti vengono elaborati in maniera analoga all'elaborazione compiuta dal cervello di un uomo. L'apporto degli innovativi sensori porterà numerosi vantaggi, per il funzionamento dei dispositivi di assistenza alla guida e per la guida autonoma. Per i responsabili della startup francese gli attuali sistemi di visione artificiale non sono sufficientemente evoluti per supportare adeguatamente la guida autonoma (Leggi l'incidente della Tesla che non ha riconosciuto un rimorchio). Secondo Chronocam grazie ai nuovi sensori la rivelazione di persone e ostacoli sarà più rapida, le telecamere saranno più efficienti nel riconoscere e adattarsi all'ambiente circostante; i nuovi sensori monitorano ogni singolo pixel delle immagini visualizzate, inviando input ai dispositivi ad ogni infinitesimale cambiamento (Scopri Bluebox il supercomputer da 90 miliardi di istruzioni al secondo). Infine la nuova tecnologia permetterà di ridurre il costo totale di implementazione, rendendo disponibili e accessibili i dispositivi di assistenza alla guida per un maggior numero di veicoli e di mercati.

COLLABORAZIONE INIZIATA CON I MIGLIORI AUSPICI La partnership è stata ovviamente siglata con i migliori auspici per entrambe le aziende, Gaspar Gascon, Vicepresidente e Direttore dell'Ingegneria del Gruppo Renault ha dichiarato: “Con l'ambizione di diventare una delle prime marche a proporre una tecnologia di guida “senza mani e ad occhi chiusi” sui veicoli di grande serie ad un prezzo accessibile, siamo lieti di lavorare con Chronocam su una tecnologia di visione computerizzata. L'obiettivo è proporre dispositivi di assistenza alla guida ancora più sicuri ed accessibili, ed avanzare progressivamente verso sistemi di guida autonoma”. Per Chronocam si è invece espresso il CEO e co-fondatore Luca Verre: “Siamo felici di poter lavorare con un leader mondiale ed un centro d'innovazione come Renault, per realizzare concretamente la nostra tecnologia nel mondo dei trasporti connessi e intelligenti”, il quale ha poi aggiunto: “I veicoli autonomi presentano esigenze molto specifiche, a cui Chronocam può assicurare una risposta adeguata grazie a sistemi di rilevazione più rapidi che possono funzionare in tante diverse condizioni. Insieme, sono convinto che le nostre due aziende potranno far ulteriormente progredire le capacità di visione dei veicoli”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team