Rca temporanea: scoperte altre polizze contraffatte a Salerno

Agenzia di Battipaglia vendeva polizze Rca contraffatte: l'Ivass mette in guardia sulle polizze temporanee

18 gennaio 2016 - 9:00

È Battipaglia (Salerno) il cuore della più recente truffa Rca. D'altronde, proprio il Sud Italia è martoriato dalle frodi, con pesanti ripercussioni sui cittadini onesti (che poi sono la stragrande maggioranza): tariffe alle stelle. Stavolta, siamo di fronte a un raggiro subdolo: una Rca temporanea. Di pochi giorni. In teoria utile a chi vuole una polizza momentanea, ultra low cost. Peccato che viaggi senza copertura: al di là di possibili multe, in caso di sinistro paga tutti i danni, e sono davvero legnate economiche.

LA SEGNALAZIONE IVASS – L'Istituto di vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) segnala l'ennesima Rca temporanea fasulla, come già vi abbiamo messo in guardia qui. È intestata alla società BTA Insurance Company SE con sede in Robert-Bosch-Straße 6 – 64807 Dieburg (Germania), non autorizzata in Italia all'esercizio dell'attività assicurativa. Al riguardo, l'Autorità di vigilanza tedesca ha comunicato che la polizza di cui si tratta non risulta emessa dalla società BTA Insurance Company Se Niederlassung Deutschland. 

FUORI I NOMI – Risultano coinvolti anche i seguenti due soggetti: Antonio Turco; TI Effe consulenze, con sede in Battipaglia, Via Garda 12/E (ditta individuale di Antonio Turco). Che non risultano iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi italiani né nell'elenco degli intermediari dell'Unione europea: non possono esercitare attività di intermediazione assicurativa. Pertanto, a oggi, l'eventuale stipulazione di polizze responsabilità civile auto recanti l'intestazione BTA Insurance Company SE comporta per i contraenti l'insussistenza della copertura assicurativa e per gli intermediari lo svolgimento di un'attività non consentita dalle vigenti disposizioni normative.

NOMI AFFASCINANTI – Per catturare clienti, chi organizza la frode utilizza nomi altisonanti, attraenti, stranieri, spesso davvero esistenti. Di aziende che non c'entrano nulla con la truffa, e che sono anch'esse vittime della trappola. Più in generale, l'Ivass raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione dei contratti, che gli stessi siano emessi da imprese regolarmente autorizzate allo svolgimento dell'attività assicurativa. Controllate che gli intermediari siano iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi o nell'elenco degli intermediari dell'Unione europea, tramite la consultazione sul sito ivass.it. In più, prezioso il nostro elenco costantemente aggiornato di Rc auto fantasma e di truffe varie: vedi qui.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

App parcheggio auto per trovare posto e pagare: la guida completa

Auto usate: +9% degli scambi tra privati da inizio 2022

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild