RC auto: una causa ogni 5 sinistri, l’indagine dell’Ivass

Indagine dell'Ivass sui contenziosi assicurativi fino al 2017 nel comparto della RC auto: c'è una causa ogni 5 sinistri, nonostante il numero sia diminuito.

5 aprile 2019 - 12:21

Meno cause in assoluto ma maggior incidenza di queste ultime sul totale dei sinistri. È il risultato un po’ controverso dell’indagine svolta dall’Ivass sul contenzioso assicurativo nel comparto RC auto e natanti nel periodo dal 2010 al 2017.

IL RAPPORTO IVASS SUI CONTENZIOSI CHE RIGUARDANO LA RC AUTO

L’Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni ha rilevato infatti che al 31 dicembre 2017 le cause pendenti, civili e penali in ogni grado di giurisdizione, erano risultate 245.476, fortunatamente in calo del -0,75% rispetto al 2016 e del -19% sul 2010. Nonostante ciò l’incidenza delle cause sul totale dei sinistri per i quali è costituita una riserva ha fatto registrare un progressivo aumento, toccando la soglia di circa una causa ogni 5 sinistri (il 21,6%). Una proporzione, a pensarci bene, inaccettabilmente alta.

I TEMPI DI CHIUSURA DELLE CAUSE CIVILI SONO SEMPRE LUNGHI

Spulciando gli altri dati dell’Ivass abbiamo scoperto inoltre che il saldo tra cause civili promosse e cessate nel 2017 ha chiuso al negativo (-2.708). Comunque in deciso rallentamento in confronto al -13.040 del 2016. Tuttavia i tempi di costituzione e chiusura delle cause civili continuano a essere particolarmente lunghi. Ma questo, come sappiamo, è un problema generale della giustizia italiana.

LA MAGGIOR PARTE DELLE CAUSE SONO IN CAMPANIA

Domanda: quali sono le regioni in cui si intentano più cause nel comparto Rc auto? Il contenzioso civile di I grado, parliamo di oltre 230 mila cause in ambito nazionale, ha visto protagonista la Campania nel 37% dei casi, il Lazio nel 14,1% e la Lombardia nel 6,8%. La velocità di eliminazione del contenzioso, utile per capire quale frazione dei sinistri in causa sia stata pagata nell’anno, ha raggiunto quota 36% a livello nazionale.

NEL 53% DEI CASI SI ARRIVA A UNA TRANSAZIONE TRA LE PARTI

Solo il 18% delle cause di I grado si sono chiuse con esito favorevole alle compagnie assicurative, con un costo medio di 7.872 euro. Oltre la metà di queste cause riguardavano danni alla persona. Il 53% delle cause civili si sono invece chiuse ricorrendo a una transazione, di gran lunga lo strumento più utilizzato dalle parti per risolvere i contenziosi dell’assicurazione auto. In questo caso l’importo medio della transazione è stato di 10.047 euro. Le restanti cause, il 29%, hanno visto soccombere le imprese di assicurazione. E le cause penali? 2.405 a fine 2017, l’1% del totale. Si tratta di cause quasi esclusivamente per danni alla persona, un terzo delle quali risalenti a più di cinque anni fa.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno