Quattro ruote sterzanti: al debutto anche su Volkswagen

Molti nuovi modelli offrono le ruote sterzanti per facilitare le manovre e migliorare la stabilità, presto il debutto su Volkswagen Touareg

10 maggio 2018 - 15:05

Le quattro ruote sterzanti vengono proposte ormai su diversi modelli di nuova generazione, il loro supporto permette una guida più stabile e precisa, di conseguenza anche più sicura. Magari le Case utilizzano nomi differenti, ma il funzionamento è più o meno sempre lo stesso: le ruote posteriori sterzano rapportandosi a quelle anteriori. Pronto il debutto del sistema Volkswagen sulla nuova Touareg, le grandi dimensioni verranno apparentemente ridotte favorendo la manovrabilità e la stabilità del veicolo.

IN FASE E CONTROFASE Generalmente il sistema viene indicato con la sigla 4WS (4 Wheeling Steering) ma ogni Marchio utilizza la sua variante nominale (come ad esempio il 4Control di Renault), inizialmente era un dispositivo di tipo meccanico ma la tecnologia ha portato a sistemi idraulici o elettrici – qui puoi trovare il nostro approfondimento. Bisogna precisare che non sono tutte e quattro le ruote a sterzare in maniera indipendente, bensì è l'asse posteriore che segue il comportamento dell'asse anteriore. In alcuni casi le ruote posteriori sterzano esclusivamente nel senso opposto a quelle anteriori, in controfase, ampliando il raggio di sterzata e facilitando le manovre. Altri sistemi invece offrono una sterzatura adattiva: a basse velocità portano l'asse posteriore in controfase, altrimenti ruotano le posteriori in fase, ossia nello stesso senso di quelle anteriori per migliorare la stabilità. Con l'arrivo della nuova Touareg, Volkswagen porterà al debutto il suo sistema a quattro ruote sterzanti.

A BASSE VELOCITÀ Lo scopo è quello di rendere agile un veicolo di grandi dimensioni, la Volkswagen Touareg MY19 è più grande della versione precedente: la lunghezza aumenta di 77 millimetri (4.878 mm totali), mentre la larghezza guadagna 44mm arrivando ad un totale di 1.98mm; in altre parole, non è proprio una passeggiata gestire traffico e manovre di parcheggio con un'auto così (anche se Volkswagen ha trovato una soluzione anche per questo). Con il nuovo sistema All Whell Steering , fino ad una velocità di 37 km/h l'assale posteriore comandato elettricamente sterza fino a 5° in direzione opposta rispetto alle ruote anteriori. Questo porta a ridurre di un metro il raggio di sterzata, così come accade anche su Audi Q7 e Porsche Cayenne, modelli del gruppo con cui la Volkswagen Touareg condivide la piattaforma.

A VELOCITÀ SOSTENUTA Aumentando l'andamento l'auto cambia comportamento e al posto dell'agilità è necessaria una maggiore stabilità. Se si passano i 37 km/h quindi, le ruote posteriori della Touareg seguono la stessa direzione di sterzata di quelle anteriori rendendo più stabile la vettura anche in condizioni di sorpasso ad alte velocità (qui 10 errori da evitare durante i sorpassi) ma soprattutto in caso di manovre evasive improvvise. Nonostante porti netti miglioramenti in termini di sicurezza, il sistema All Wheel Steering  di Touareg non è però proposto a prezzi così accessibili. Rientra infatti in un pacchetto opzionale da 3.000 euro (vedi qui altri costosi optional) che comprende la regolazione adattiva dell'assetto, la selezione del profilo di guida e le sospensioni pneumatiche adattive con ammortizzatori a regolazione elettrica.

1 commento

alessio
16:29, 8 giugno 2018

non sanno fare curve neanche con due, figuriamoci con 4. L unico brand che a quel prezzo ti ci mette un asso posteriore a torsione. a prendere per il chiulo il cliente

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Consumi auto Metano e GPL: come si calcolano?

Kia Sorento Hybrid Plug-in: 5 curiosità del modello 2021

Importo multe stradali: nel 2021 sarà più basso?