Quanto costa la benzina in giro per l'Europa?

Ecco i prezzi di benzina e gasolio nei Paesi europei. Nell'uovo di Pasqua troveremo anche i rialzi ingiustificati alla pompa

18 aprile 2014 - 9:00

Il TCS ha stilato una tabella dettagliata dei prezzi applicati sui carburanti in Europa. Tanto per non deludere gli automobilisti, il primato del salasso alla pompa spetta ancora all'Italia, con il più alto prezzo del gasolio (1,67 €/litro). Mentre per costo della benzina siamo secondi solo all'Olanda, dove si paga in media 1 centesimo in più (1,79 €/litro). La mappa dei prezzi alla pompa potrà sicuramente essere di aiuto a chi nel ponte pasquale vorrà fare una gita transfrontaliera ma per chi resta in Italia, invece degli auguri, riceverà anche quest'anno un rincaro dei prezzi di benzina e gasolio.

CON LE POMPE INDIPENDENTI SI TIRA AVANTI – L'auto sta assumendo sempre di più le sembianze di un salvadanaio, però di quelli senza fondo, dove all'occorrenza chi ne ha il potere può ricavare spiccioli. Perché se da un lato il Governo Renzi ha rialzato le accise a 730,8 €/mille litri sulla benzina e 619,8 €/mille litri sul gasolio, la bidonata di Pasqua arriva pure dalle compagnie petrolifere. In vista delle carovane di automobilisti che faranno su e giù per l'Italia da Sabato Santo a Lunedì di Pasqua, il rialzo del prezzo consigliato da Eni e Shell ha strizzato l'occhio anche ai concorrenti. Per fortuna che a frenare la corsa folle ci pensano ancora una volta le cosiddette pompe bianche, indipendenti o no-logo, dove è ancora possibile spegnere la spia della riserva senza farsi mancare il tipico dolce pasquale a tavola. Ma vediamo chi può permettersi una toccata e fuga all'estero, dove potrà trovare prezzi più vantaggiosi di quelli applicati in Italia.

L'EST E' PIU' CONVENIENTE – Per i tecnici del Touring Club Svizzero, chi visiterà nel prossimo periodo pasquale diversi Paesi europei dovrà far i conti con differenze significative del prezzo della benzina e del gasolio (vedi la tabella in basso). Chi troverà la destinazione ideale per le sue vacanze in Polonia avrà sicuramente l'offerta migliore. Secondo i dati forniti dai partner europei del TCS, che hanno contribuito a disegnare la mappa europea dei prezzi dei carburanti, in Polonia si può fare il pieno di benzina verde (95 ottani) pagandola di meno (12,7 €/litro), seguita da Repubblica Ceca (1,30 €/litro) e Lussemburgo (1,32 €/litro). Mentre il gasolio per autotrazione conviene di più in Lussemburgo (1,18 €/litro), Polonia (1,28 €/litro) e Repubblica Ceca (1,30 €/litro). Uno spaccato rispetto alla peggiore situazione che si può trovare in Italia a causa di accise (vedi la lista dettagliata in basso) e aumento dell'IVA. La tassa nella tassa, poiché l'imposta sul valore aggiunto è calcolata anche sulle accise, ha portato il prezzo del carburante alle stelle, che difatti per oltre la metà paghiamo in tasse (oltre il 58% del prezzo alla pompa per benzina e  oltre il 54% del prezzo alla pompa per gasolio).

LA BEFFA DEI PETROLIERI – Come se non bastasse oggi i listini di Eni e Shell hanno fatto registrare un aumento dei prezzi consigliati alla pompa che Adiconsum trova assolutamente ingiustificati e applicati in vista del weekend pasquale. “Ogni volta assistiamo impotenti a questi rialzi ingiustificati che ricadono sulle tasche dei consumatori”, denuncia l'associazione dei consumatori contestando i rincari Eni (di 1,5 cent. euro su benzina e di 0,5 cent. euro su diesel) e Shell (1 cent. euro su benzina e diesel). E le altre compagnie non sono rimaste a guardare, ritoccando però quasi tutti i prezzi solo per la benzina: Esso +0,5 centesimi (benzina), Ip +1 centesimo (benzina) e +0,5 centesimi (diesel), Q8 e Tamoil + 0,5 centesimi (benzina). Una commedia nota che si ripete, alla quale la stessa associazione Adiconsum si è opposta chiedendo di poter prendere parte ai tavoli di lavoro tra Ministero dello sviluppo, petrolieri e distributori.

Prezzi di benzina e gasolio al litro in Europa:

  • Belgio: € 1,62 – € 1,43
  • Danimarca: € 1,60 – € 1,41
  • Germania: € 1,51 – € 1,37
  • Francia: €1,51 – € 1,37
  • Italia: € 1,78 – € 1,67
  • Lussemburgo: € 1,32 – € 1,18
  • Olanda: € 1,79 – € 1,49
  • Austria: € 1,35 – € 1,31
  • Polonia: € 1,27 – € 1,28
  • Svizzera: € 1,41 – € 1,50
  • Repubblica Ceca: € 1,30 – € 1,30.

Lista aggiornata delle accise gravanti in Italia sul prezzo alla pompa del carburante:

  • 1,9 lire per la guerra di Etiopia del 1935;
  • 14 lire per la crisi di Suez del 1956;
  • 10 lire per il disastro del Vajont del 1963;
  • 10 lire per l'alluvione di Firenze del 1966;
  • 10 lire per il terremoto del Belice del 1968;
  • 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976;
  • 75 lire per il terremoto dell'Irpinia del 1980;
  • 205 lire per la guerra del Libano del 1983;
  • 22 lire per la missione Unmibh in Bosnia Erzegovina del 1996;
  • 0,02 euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004;
  • 0,0073 euro per la manutenzione e la conservazione dei beni culturali;
  • 0,04 euro per l'emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011;
  • 0,0089 per far l'alluvione in Liguria e in Toscana del novembre 2011;
  • 0,082 (benzina) – 0,112 (diesel) per il decreto “Salva Italia” del 2011;
  • 0,02 euro per l'emergenza post terremoto in Emilia del 2012.

1 commento

Paoblog
10:43, 18 aprile 2014

Due giorni fa alla radio annunciavano aumenti del prezzo della benzina, “casualmente” in occasione delle festività.
*
In quel mentre passo davanti al mio solito distributore, Q8 self 24/24, è noto che il prezzo è calati di 2 cent rispetto al giorno prima (benzina: 1,679 / gasolio: 1,679); faccio qualche chilometro e la Esso self ha i prezzi + cari di 10 cent al litro. Però. Qualche chilometro ancora ed il distributore self 24/24 no logo ha gli stessi prezzi della Q8.Diventa difficile capirci qualcosa…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori