PSA-Dongfeng: in arrivo 5 auto elettriche e un cambio doppia frizione

Il mercato Cina continua ad attrarre investimenti occidentali, PSA e Dongfeng lanceranno 34 nuovi modelli entro 5 anni, focus sulla mobilità elettrica

26 maggio 2016 - 8:51

Grandi manovre per il Gruppo PSA sul fronte cinese, mettendo a frutto la partnership con il costruttore Dongfeng Motors intende aggredire quello che è considerato il più grande mercato automobilistico. Assecondando la richiesta di auto più efficienti e pulite fatta dal Governo, i francesi hanno in programma una gamma di auto elettriche, una line up di nuove motorizzazioni e l'introduzione di una moderna trasmissione a doppia frizione.

L'APPEAL DEL MERCATO CINESE E' ANCORA ALTO Nei giorni scorsi il presidente PSA, Carlos Tavares, ha firmato a Pechino un importante accordo programmatico, il quale rappresenta un massivo piano strategico per la conquista di una consistente fetta del mercato cinese. Nonostante lo scorso anno le vendite all'ombra della Grande Muraglia abbiano subito una storica battuta d'arresto, l'intervento del Governo, con incentivi e sgravi fiscali, ha dato nuovo ossigeno al mercato, mantenendo alto l'appeal della piazza cinese. Dalle stanze dei bottoni di Pechino si è palesata la volontà di promuovere la mobilità ecosostenibile, con particolare interesse alle auto elettriche, le quali stanno prolificando sulle strade della Cina (Leggi come il Goveno supporta il mercato auto in Cina). Puntando proprio a quest'ultima iniziativa le aziende della joint venture cino-francese hanno pianificato la realizzazione di una assortita gamma di ben cinque auto a trazione elettrica.

UNA PIATTAFORMA DEDICATA ALL'ELETTRICO Per produrre i nuovi modelli elettrici PSA e Dognfeng metteranno a punto una nuova piattaforma modulare, derivata dalla Common Modular Platform (CMP) alla quale le due realtà lavorano già dallo scorso anno. La piattaforma verrà battezzata con la sigla e-CMP, indicando chiaramente la destinazione elettrica, e da essa verranno sviluppati modelli dei segmenti B e C (Leggi PSA investe 250 milioni sulla piattaforma E-CMP). Il primo modello della gamma a zero emissioni arriverà il prossimo anno e sarà la versione elettrica della Citroen C-Elysée, berlina compatta a tre volumi recentemente introdotta anche in Italia. Lo sviluppo del powertrain elettrico sarà probabilmente a cura dei tecnici Dongfeng, i quali sono già ampiamente esperti nella produzione di bus e mezzi commerciali a batterie.

INNOVAZIONE TECNICA E SCAMBI DI KNOW HOW Nei termini del nuovo accordo tra PSA e Dongfeng rientra il lancio di 34 nuovi modelli, tra questi numerosi restyling e la versione ibrida plug -in della Citroen C-Elysée, sul mercato cinese (Leggi Volkswagen investirà 2.5 miliardi per una fabbrica in Cina). Entro il 2019 verranno aggiornate le motorizzazioni esistenti, in conformità alle prescrizioni governantive, e verrà introdotto un inedito propulsore da 1.0 litro di cubatura. Nei piani dell'accordo rientra anche l'introduzione di nuove trasmissioni, un moderno ed efficiente cambio a doppia frizione, una trasmissione automatica a 8 rapporti e una manuale a sei. Inoltre l'agreement prevede la fusione di conoscenze e competenze tra le “menti” eccellenti dei due gruppi. È stato infatti firmato anche accordo per lo scambio temporaneo di dipendenti operativi nel campo della ricerca e sviluppo, del marketing, della produzione e della finanza. Questo porterà allo sviluppo e alla crescita delle due realtà e al potenziamento della cooperazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Michelin CrossClimate 2 SUV: aderenza sorprendente nei test

SicurAUTO.it al convegno sulla sicurezza delle batterie al Litio

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h